Questo sito contribuisce alla audience di

    Parlagliene tu chiedi per noi chi è che fa se sa che siamo figli suoi tu che alla tua età mi conosci già chi sei che fai almeno un figlio non cel'hai sai io ti mostrerò luce e libertà ma poi chissà che tu non le conosca già non ti ascolterò bravo sole ciao ti lascio qui domani stesso partirò tu che guardi e mi rimproveri tu che parli a grandi e poveri prova ad avere un figlio alla tua età e dargli caldo vento e verità parlagli di te non disturbarlo mai rubagli i tramonti e poi consumali nel mare caro alì babà tu non mi ingannerai io sarò ladrone si ma padrone quello mai. io ti premierò se dimostrerai validità per questa tua maternità e invece ti ringrazierò se mi spiegherai come si puo cercare amore e farlo no e portami con te ti ricorderò il bianco e il blu l'azzurro della gioventù sei la vanità caro cielo no ti lascio qui domani stesso partirò tu che guardi e mi rimproveri tu che ascolti grandi e poveri impara a prendere la tua metà e al figlio lascia l'aria che non và, caro alì babà tu non mi ingannerai sono ormai ladrone si padrone no davvero e saccheggerò la tua crudeltà saro molto semplice la grotta si aprirà.

    Cosa ne pensi di "Parlando Ai Grandi" di Alberto Fortis?

    Vota la canzone

    Fai sapere ai tuoi amici che ti piace:

      Acquista l'album

      Commenti

      Invia il tuo commento

      Disclaimer [leggi/nascondi]

      Guida alla scrittura dei commenti