Racconti inseriti da D. Bianco

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: D. Bianco

Le farfalle

Quando penso ad una donna chissà perché mi vengono in mente le farfalle, quelle libere quelle che abbracciano i petali di un fiore, quelle dai mille colori, quelle che volano tra fili d'erba dei giardini e si confondono con i colori della natura, le penso cosi, libere, libere di sognare. Invece... [continua a leggere »]
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: D. Bianco

    Mi prenderò la tua parte peggiore

    Mi prenderò di te la parte "peggiore" quelli che tutti hanno scartato, quella arrabbiata, quella che all'emozione scappa, quella parte delusa, derisa, quella che nessuno vuole, quella abbandonata, quella che mi dice (sono piena di difetti...) Mi prenderò la parte invisibile, quella che tutti... [continua a leggere »]
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: D. Bianco

      Noi "Amici"

      Dobbiamo chiamarci per nome, oppure dirci che siamo amici, non possiamo permetterci di esternare sentimenti a noi non concessi. Capita. Si capita che devi chiamare amica chi vorresti chiamare amore, allora parli da amico, si usa la parola speciale. Che sei un amico speciale, che sei la persona... [continua a leggere »]
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: D. Bianco

        Non si può cambiare

        Ci hanno assegnato un'anima già nell'utero, e con quella ci dobbiamo vivere.
        È la combinazione di spirito e corpo, vita transitoria, localizzata nel sangue, la parte che sente, pensa, ama, la sede degli istinti naturali, delle emozioni e delle passioni. Come si fa a pensare che la gente possa...
        [continua a leggere »]
        Composto martedì 12 aprile 2016
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: D. Bianco

          Nostalgia

          Qui è rimasto tutto uguale. Anche le foglie sembrano le stesse e le strade, i sassi, e quei pezzi d'erba selvatica nei suoi marciapiedi sembra quasi la stessa. Qui era tutto perfetto, si correva e si giocava, nel frattempo si cresceva, e ci si innamorava, dei balconi sempre vuoti, dei percorsi... [continua a leggere »]
          Composto mercoledì 5 luglio 2017
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di