Scritto da: Andrea De Candia
in Racconti (Personale)
Il dolce paese, con la gentile modestia dei suoi prati, case, giardini, mi appariva come un soave canto d'addio. Da ogni parte echeggiavano a ondate lamenti antichissimi di misera gente sofferente. Spiriti emergevano in mirabili panneggi, grandi, morbidi, plastici. La bella, dolce strada maestra... [continua a leggere »]
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: D. Bianco
    in Racconti (Personale)

    Non uccidere quello che hai amato

    Quando un amore finisce va "amato" con la stessa intensità. Non si possono uccidere le donne che dicevamo di amare...
    quando amerai un'altra volta, non accostare nessuna frase, nessun respiro, nessun silenzio a quello che eravamo noi. Bacialo diversamente. Sorridi in modo che ti possa amare...
    [continua a leggere »]
    Composto mercoledì 2 agosto 2017
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: D. Bianco
      in Racconti (Personale)

      La vita

      Quando ero piccolo c'era un indovinello che recitava: "cosa pesa di più, un chilo di paglia oppure un chilo di ferro. Quasi tutti dicevamo un chilo di ferro...
      bisogna fermarsi, e mettere tutto su una bilancia. E non importa se hai vent'anni o novanta. Bisogna farlo quando la vita si prende la...
      [continua a leggere »]
      Composto sabato 8 luglio 2017
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: D. Bianco
        in Racconti (Personale)

        Nostalgia

        Qui è rimasto tutto uguale. Anche le foglie sembrano le stesse e le strade, i sassi, e quei pezzi d'erba selvatica nei suoi marciapiedi sembra quasi la stessa. Qui era tutto perfetto, si correva e si giocava, nel frattempo si cresceva, e ci si innamorava, dei balconi sempre vuoti, dei percorsi... [continua a leggere »]
        Composto mercoledì 5 luglio 2017
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: D. Bianco
          in Racconti (Personale)

          Rapporti

          Abbiamo due possibilità nei rapporti. Staccare la spina e rimanere al buio, oppure tenerla attaccata sapendo che c'è sempre un interruttore che può accenderla. Non si può vivere di passato, di rabbia e rancori. Nessuno è perfetto, e nessuno lo sarà mai. Ci sono solo queste due possibilità. La... [continua a leggere »]
          Composto giovedì 22 giugno 2017
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di