Da definirsi

Scavava, scavava solchi scuri e profondi nel candore d'una agina bianca. Brandiva scintillante una penna nel pugno mancino. Dalla sua lama a sfera sanguinava inchiostro su un foglio lacero di cancellature e parole, incise con foga e teatrali gesti catartici. Il rossore della follia i cui occhi... [continua a leggere »]
Roberto Grasso
Composto domenica 5 agosto 2012
Vota il racconto: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di