Scritto da: PaulVal

Chiudo gli occhi per vedere meglio

Alzo lo sguardo lontano e ordino il rompete le righe ai miei pensieri. La cagionevole prosa del mondo mi snida dall'universo parallelo nel quale mi ero rifugiato.
È l'occhio a creare l'orizzonte, e l'orizzonte è troppo vicino quando si è piccoli, ma laggiù, dove il cielo ha il colore del mare...
[continua a leggere »]
Paul Valenti
Composto domenica 29 marzo 2015
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: PaulVal

    Confucio e Aristotele: l'armonia in Oriente è l'essere in Occidente

    Il Vietnam, come un po' tutta l'Asia orientale, ha una cultura che decisamente tende a far prevalere gli interessi collettivi su quelli individuali, i cui vari aspetti sono ben rappresentati dal Confucianesimo.
    L'Occidente tende a sbilanciarsi nei confronti dei diritti dell'individuo...
    [continua a leggere »]
    Paul Valenti
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: PaulVal

      Danang, Vietnam, Gennaio 2015

      Ho iniziato l'anno all'ombra di un mare rabbioso e inospitale, di un color caffè con troppo latte, in un Vietnam centrale spazzato dalla stagione dei monsoni. Pioggia, e poi pioggia, e ancora pioggia: "Tenere in luogo umido", deve esserci scritto sulla ricetta per il Vietnam, perlomeno durante... [continua a leggere »]
      Paul Valenti
      Composto venerdì 2 gennaio 2015
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: PaulVal

        E alla fine si possiede solo ciò che si è dato

        Tony era un inglese dalla pazzia tranquilla e garbata e, come ogni giorno, presidiava il solito Pub di Brighton, East Sussex, dove passava il tempo a trasformare le tante ore in altrettante sbornie.
        Gli inglesi hanno l'imprevedibilità della gente incivile, il loro genio è senza controllo, così...
        [continua a leggere »]
        Paul Valenti
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: PaulVal

          E alla fine si possiede solo ciò che si è dato

          Tony era un inglese dalla pazzia tranquilla e garbata e, come ogni giorno, presidiava il solito Pub di Brighton, East Sussex, dove passava il tempo a trasformare le tante ore in altrettante sbornie. Gli inglesi hanno l'imprevedibilità della gente incivile, il loro genio è senza controllo, così... [continua a leggere »]
          Paul Valenti
          Composto giovedì 15 gennaio 2015
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di