Poesie inserite da Giuseppe

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giuseppe

Diatriba

I miei versi sono candele accese
al cuore dell'amore
ferito nella lotta coi pensieri.
La lotta, si è conclusa
con la sconfitta di entrambi.
I pensieri hanno smesso di pensare
Ora chiusi nell'onda delle notti
implorano con gli occhi spalancati
qualche sonno pietoso che li copra.
Il cuore ferito all'altra sponda
su pavimento freddo
coglie cocci di sogni frantumati
nel reliquario delle cose care.
Ora ciascuno guarda l'altro lato
senza più forza di ricominciare.
Perché mi ha fatto questo
dice il cuore,
chi ti ha dato il permesso
di entrare nella mia stanza?
hai rovinato i sogni,
hai staccato dal cielo le mie stelle?
Gli rispose il flusso di pensieri
con un filo di voce, è colpa tua.
Hai eluso le mie competenze
ti sei permesso di tagliare i fili...
e gli porse anatema di parole:
Confuso tra rigagnoli d'amore
senza riscontro di una tenerezza
senza manco il chiarore della luna
avrai paura a disegnare un cuore.
Composta giovedì 19 maggio 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe

    Donne

    L'altra metà di cielo
    dove splende il sorriso
    è coperta di nuvole,
    soltanto qualche sprazzo di sereno
    lascia spiragli al sole,
    la dolcezza
    mescola gli odori
    col sapore rancido
    oltre l'ultimo velo
    diventa un grattacielo di parole
    sconnesse,
    di piercing banali...
    Dove sono i tempi di fanciulle
    vestite di pudore
    con la forza negli occhi
    e nel sorriso?
    Povero mezzo cielo
    illuso volto a parità coi mostri
    pensando di scalare oltre le stelle
    sta precipitando nel burrone.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe

      Primavera

      L'alba colora i monti.
      L'alito delle zolle affaccendate
      a fecondare trepidi germogli
      carezza il sole,
      tripudio spande l'ugola del merlo
      tra i cespi sulla riva del torrente.
      L'estasi accende un canto,
      primavera
      bagna di verde i campi,
      l'aria è profumata di viole
      e margherite cantano
      coi capini lavati di rugiada,
      gli alberi sono in fiore
      e passeggeri ronzano tra i rami,
      accende gioia di volteggi il cielo.
      Passa il torrente,
      l'acqua che scintilla
      perde il sorriso
      all'ombra delle fronde
      come il mio cuore
      velato dietro l'ombra di un pensiero.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe

        Non lasciarmi solo

        Una nebbia sottile sta turbando
        la melodia del cuore,
        se vuoi negare ai sogni
        un po' di sole
        lascia almeno le stelle
        che brillano nel cielo delle notti.
        Sento nell'aria un velo
        che scaturisce da miraggi ignoti
        la forza dell'amore
        contro cui esplodono i pensieri
        si difende come una corazza
        perciò non si scalfisce...
        Ora la luna ha acceso uno spiraglio
        Ti prego, questa luce è troppo forte,
        non lasciarmi solo con la nebbia
        nella notte sfocata senza stelle.
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di