Le migliori poesie inserite da bbenry

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: bbenry

Vendetta!

Argento che danza sulle squame del mare,
terre arse di luna si destano
al canto della marea.
Quale stella arde tra i flutti
offerta alle braccia del fuoco
giace, tremante
nascosta da un timido vento...
Argento che marchia le rughe del mare,
iracondi rii rispondono
al richiamo del Re.
Quale età piange nella bruma
tradita dalle braccia del fuoco
corre, tremante
inseguita dal feroce rimorso.
Argento che scintilla dal cielo
Nubi d'acciaio giurano vendetta
per sudicie vesti.
Quale dardo gli trafiggerà il ventre,
fuggito dai roghi della passione
corre, tremante
spento dall'implacabile pioggia.
Composta martedì 5 febbraio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: bbenry

    Il poeta

    Forse si è perso
    fra le righe
    di un tramonto.
    Nelle promesse
    di una lacrima
    incatenata al mare.
    Ineluttabile azzurro,
    arroccato su poggi
    di abile resa
    le sue ali
    non son più parole.
    Stagioni appassite
    piovono sul giorno
    spoglie
    flettono sguardi
    fendono il vento.
    Il poeta
    curvo
    sulla materna ombra
    dona l'età
    al silenzio delle foglie.
    Composta giovedì 4 settembre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: bbenry

      Sotto la pioggia

      Forse solo un sorriso
      che obbedisce al passato
      sfiderà queste nubi.
      È tutto così semplice
      sotto la pioggia.
      Cancellate le impronte
      volato via
      quel poco di buono,
      resta una pietra
      sulla quale rinascere.
      Hai ragione tu,
      domani non ci riguarda
      finalmente soli
      oggi che anche la rabbia
      ci ha abbandonato.
      Composta sabato 26 luglio 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: bbenry

        Dove ci incontrammo

        Stamane
        germogliano ricordi.
        Pasteggiano
        le ore
        rimasugli di indifferenza.
        Dove ci conobbero
        stanotte
        va a peccare il rimpianto
        complice
        di mille solitudini.
        Vale ancora la pena
        dare retta al cielo,
        vederlo correre
        nelle stanze più buie
        laggiù
        fra le strade del silenzio
        laggiù...
        dove ci perdemmo.
        Composta mercoledì 2 luglio 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di