Scritta da: C. De Padua Visconti

L'anima orfana di stelle

Cielo orfan di stelle
quando la penombra
annuncia il tuo saluto!
Non sono sol le stelle
ad essere velate
la mia anima anch'essa
orbita in un oscur silenzio!
Libera ma non transita
prigioniera mesta
in mura di sconforto!
Se distante sei
io vita non la vivo!
Fragranza non ne annuso
benché sia primavera
io fiori non li avvedo,
il tuo profumo è la stagione
che solo può dar calore!
L'inverno della tua distanza
si scaldi alla tua presenza!
Composta domenica 24 marzo 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: C. De Padua Visconti

    Piacevoli notti insonne

    Quelle piacevoli notti insonne
    mentre passeggiavi nella mia anima
    seminando emozioni
    nell'incolto manto della mia pelle
    idolatrando la tua nuda immagine
    scolpita nel buio della mia mente
    lontano da sogni sperati
    inebriandomi
    del tuo profumo
    sparso su quel letto
    orfano del tuo corpo.
    Composta lunedì 18 marzo 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: C. De Padua Visconti

      desiderio di te

      Geme l'anima
      perdutamente.
      Il desiderio d'averti
      fanciulla m'affligge!
      Desiderio ribelle
      quello di avvinghiare
      il tuo corpo
      in tremiti sussulti,
      e poi
      coccolarti
      serenamente
      privo d'ogni desiderio
      canale,
      a omaggiare il tuo viso ingenuo,
      a contemplare ogni stadio
      del tuo corpo,
      ascoltare la tua voce,
      canto di sirena,
      parlarmi dolcemente
      come in un sogno...

      Claudio Visconti De Padua.
      Composta venerdì 15 marzo 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: C. De Padua Visconti

        Dio non voglio eclissare

        Ho l'anima
        penzola alla luce di luna,
        fugace ai venti di brezza
        insegue agitata mondi migliori!
        Girovaga corre su miti d'amore
        quaggiù lei si spegne
        non c'è idillio,
        speranze e futuro
        dissolve su un muro,
        un muro di pianto
        che tace al dolore.
        Luce non vedo
        dall'uomo mortale
        lassù c'è Un Dio
        che io non voglio eclissare!
        Composta lunedì 4 marzo 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di