Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Catia Ciullo

La gente trema e prega

Cosa vedi lì fuori?
Terrore ed incertezza,
la gente trema e prega!
In un mondo contagiato
dove lo prendi tu il coraggio!
Posti di blocco e supermercati pieni,
questo virus invisibile non ci fa star sereni.
Anziani, bambini e ragazzi... noi tutti dobbiamo tutelarci.
Mascherine guanti e disinfettanti...
cerchiamo solo di non ammalarci.
La gente trema e continua pregare,
niente è più certo... possiamo solo continuate a sperare.
Composta lunedì 30 marzo 2020
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Catia Ciullo

    Nel silenzio

    Giornate tiepide e silenziose,
    nessuna macchina che corre.
    Accendi la televisione, solo notizie spaventose!
    Ascolti la musica e sogni.
    Sogni il momento in cui tutto finirà e si riaccenderà l'allegria, gli abbracci, i baci...
    Le cene di famiglia e le colazioni con le amiche.
    Sogni lui... il tuo amore che ti aspetta... Lì affacciato alla sua finestra.
    Aspettami e speraci tutti questo un giorno finirà, io sono qua!
    Affrontiamo tutti insieme virtualmente questa nuova realtà.
    Composta lunedì 30 marzo 2020
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Catia Ciullo
      Buonanotte alle mamme.
      Alle mamme per scelta.
      Alle mamme mancate.
      Alle mamme in attesa.
      Alle mamme sole.
      Alle mamme innamorate.
      Alle mamme tristi.
      Alle mamme entusiaste.
      Alle mamme coraggiose.
      Alle mamme che si sono un po' perse.
      Alle mamme giovani.
      Alle mamme attempate.
      Buonanotte a tutte le donne.
      Che spirito materno o meno,
      occasioni o meno, possibilità o meno,
      siamo tutte madri nel cuore.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Catia Ciullo

        Quante cose da fare

        Quante cose da fare,
        sempre con urgenza,
        cielo e terra girano in tondo,
        chiaro e scuro il tempo incalza,
        diecimila anni: troppo lunghi,
        lottiamo solo da mattina a sera.
        Furia d'acqua e di nubi
        sconvolge i Quattro Mari,
        tempesta di venti e di tuoni
        Squassa i Cinque Continenti.
        È necessario spazzar via
        tutti gli insetti nocivi.
        Non ci saranno più nemici.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Catia Ciullo

          Lamento

          Non ci è dato di essere.
          Noi siamo soltanto un fiume, aderiamo ad ogni forma:
          al giorno ed alla notte, al duomo e alla caverna.

          Forma su forma riempiamo senza tregua,
          nessuna ci diviene patria, gioia o piena,
          sempre siamo in cammino, ospiti sempre,
          non c'è campo né aratro per noi, né pane cresce.

          E non sappiamo cosa Dio ci serbi,
          gioca con noi, argilla nella mano,
          muta e cedevole che non piange o ride,
          mille volte impastata e mai bruciata.

          Potessimo, una volta, farci pietra, durare!
          Questa è la nostra eterna nostalgia,
          ma un brivido perdura a raggelarci
          e non c'è pace sulla nostra via.
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Catia Ciullo

            L'incontro

            Calda sera d'estate,
            giornata folle,
            sguardi penetranti.
            Giovane e bello
            col sorriso di un bimbo felice,
            angelo sceso dal cielo.
            Il mio sole,
            il mio diamante,
            mai avuto niente di così importante.
            Cuore che batte forte,
            scintille negli occhi,
            fermo l'attimo
            in uno scatto fotografico.
            Scende così la notte,
            un sorriso, un dolce sguardo
            sigillato con un caldo bacio.
            Una vita passata a cercarci
            per poi trovarci e innamorarci.
            Composta venerdì 6 novembre 2015
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Catia Ciullo

              Una penna e dei fogli di carta

              Gli occhi osservano il mondo minuziosamente,
              mi lascio trasportare dal vento, dai miei pensieri.
              Lascio parlare il cuore...
              una penna e dei fogli di carta,
              questi sono i miei strumenti.
              La mano scrive, quei versi che mi appartengono.
              Mi lascio andare e mi sento libera, leggera!
              Siamo io e il mio cuore,
              non c'è vergogna, non c'è paura,
              scrivo ciò che sento.
              Scrivo l'amore... l'amore per la poesia.
              Composta lunedì 9 novembre 2015
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Catia Ciullo

                Amore è...

                Amore è tsunami,
                guardare un panorama insieme,
                condividere le gioie, i dolori, le sconfitte.
                Amore è sentirsi bella,
                sognare ad occhi aperti,
                aspettare una stella cadente per esprimere un desiderio.
                Amore è sperare che ti salvi,
                che non scappi, che ti stia sempre vicino.
                Amore è sopportare il dolore,
                stringere i denti e accettare i difetti.
                Amore è capire i silenzi,
                tenersi per mano ed andare lontano.
                Amore è stare seduti in una sala d'attesa di un ospedale,
                cercando di non piangere.
                Amore è non dirsi un "per sempre" scambiandosi le fedi,
                ma condividendo i cuori.
                Composta giovedì 5 novembre 2015
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Catia Ciullo

                  La bella gente

                  Fortunati voi che non ve ne frega di niente e di nessuno,
                  che fate la faccia tosta sempre!
                  E non vi curate delle altre persone.
                  Fortunati voi che siete falsi e
                  sapete girare la gente.
                  Fortunati voi
                  che non sapete cosa significa amore.
                  Sfortunata me,
                  che non so essere come voi...
                  così dannatamente bastarda.
                  Composta lunedì 10 marzo 2014
                  Vota la poesia: Commenta