Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Donatella

Lu sole de Cesi

Lu sole nun sa do va a murì
ma sicuru quanno nasce vene iqquì,
'gni madina guarda 'stu paisittu abbarbicatu
e è tuttu filice d'avellu alluminatu.
Gira pe le vie, bacia la gende
endra drendo le case come gnende,
ariscalla d'un maggicu tepore
tuttu quillu che fa rima co lu core.
A la sera quanno che se spegne:
"M'ariccomanno,
tenemelu d'occhiu fino a dimano
faje la serenata piano piano
e appressu anninnelu e fammelu arpusà
perché lu vojo in forma quanno arvengo a
rispecchià".
Composta martedì 20 luglio 2010

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Donatella

    Commenti


    10
    postato da , il
    Panettone od uovo ancor non sò....
    certamente pien di stress da decantar arriverò :))
    Smack
    9
    postato da , il
    hahahahah arrivi come pacco dono??? dentro il panettone o l'uovo di Pasqua??? :)))))
    8
    postato da , il
    Magari fosse 'quanno me pare' :)
    ..certamente però o Natale o Pasqua mi vedranno ternano per nà decina di giorni :)
    7
    postato da , il
    Giusè quanno te pare noiantri stemo qua.... :))))))
    6
    postato da , il
    ..gende..gnende..tenemelu..rispecchià..:))) Belin come AMO stà terra..
    nun vedo l'ora de venivve a trovà :)))
    Smack

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.71 in 7 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti