Questo sito contribuisce alla audience di

Appesa

Appesa, con un cappio al collo.
Soffocata dal peso che si prosciuga
ad ogni respiro incompleto.
Pubblico vigliaccamente impotente.
Distratto dai passi
dei propri ideali che fuggono:
non possono udire le sue urla.

Quando troppa gente
sente di dover scegliere
se morire ora con il corpo
o domani senza dignità.
Quando in troppi hanno perso
lo sguardo nel mare
mai recuperato a riva.

Lei sente il cuore cadere
sempre più in basso,
toccare un terreno spoglio e arido.

Le regole che frustano
sulle rughe profonde delle mani,
Le voci più vere
ridotte a un sussurro.
Gli sguardi più lunghi
annebbiati dal grigio.

Chi urlerà ancora con gli occhi aperti
rivolti al nemico?
E come cadendo da una finestra sbarrata,
chi si alzerà in piedi ancora illeso?
Chi oserà svegliarla
da quel coma infinito?
Composta domenica 10 febbraio 2008

Immagini con frasi

    Info

    Riferimento:
    Quando la speranza e la voglia d lottare decadono sotto colpi della paura e della disillusione.
    Ha partecipato al concorso
    Come un granello di Sabbia

    Commenti

    Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati