Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Elisabetta

Pasqua

Le trombe argentee squillarono nella Cupola:
La gente cadde in ginocchio a terra, emozionata:
E recato sul collo degli uomini io vidi,
Come un gran Dio, il Santo Signore di Roma.
Sacerdotale, egli portava una veste più bianca della spuma,
E, regale, si paludava in rosso maestoso,
Tre corone d'oro gli si levavano alte sul capo:
In splendore e in luce il Papa passò.
Furtivamente il mio cuore ripercorse ampi deserti d'anni
Fino a Uno che vagò presso un mare solitario,
Ed invano cercò un luogo di riposo:
"Le volpi han tane, e ogni uccello ha il nido.
Io, solo, io debbo vagare stanco,
Piagarmi i piedi, e bere vino e sale di lacrime".

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Elisabetta

    Commenti

    2
    postato da , il
    molto bella, rivolta alle profondità dell'anima
    1
    postato da , il
    grande uomo....grande poesia!

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:7.59 in 27 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti