Questo sito contribuisce alla audience di

Didattica

Mi rivolgo a te impalmato di grammatica... italiana.

Privo di didattica, io per non dimenticare d'acchitto
descrivo con senno l'interior nel vago aquiescenziale
poi poesia, la mia, è un gregge di parole le migliori scritte
con spiccata personalità parkinsoniana... Anche se in tre
per due, sei uno che può ugualmente capirmi!

... Ooh mia testa dura, devi carpirmi nel cuore dentro
l'anima stò in un bollore con emozione d'odori in reazione
dove le parole è un pane raffermo bagnato alla fantasia
dei sentimenti, in sogno un florilegio di aggettivi pescati
con dei "Ti amo" pieno di vocalizzi squinternati.

Giampiero! Le più belle d'interior nel contenuto
le più dense di Scrivere a sangue su carne viva son le tue.
Con o senza didattica letta più volte sazia la voglia tua,
ooh lettore prolifico preso geroglifico a tradurre il mio
dramma dalla prosa di vita quotidiana m'estrai estro di poesia
d'intrecci con viltà di vittorie, d'incompiuta vita ricca di sconfitte.

Ooh Dio io parlo ma, non ti sento vicino come sempre... scappi
dimmi dove sei, io stramazzo inedia in questa valle di lacrime
sono nella bolgia al collo d'esser fantasma allo sbaraglio
di sogni sprecati all'avventura di un'anima offesa, io labirinto
in uno specchio per rapirmi in qualche immmagine umana.
Composta martedì 24 aprile 2012

Immagini con frasi

    Info

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:1.00 in 2 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti