Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: FaceLess

Graffi nel cielo

Unghie spiantate
cadono inermi
su fredde pietre ghiacciate
rotolando come vermi.

L'aria calda riporta
ricordi dal pozzo profondo e tetro,
odore pungente di cadaveri decomposti
sotto una stella,
una qualunque fra le tante
spente sigarette
d'un posacenere di nera rabbia
ed impazienza.

Strappo le falangi gettandole al cielo
sfiorando nuvole
libere e sole
fedeli compagne d'arei ed aquiloni.

Nell'azzurro sei immensa,
una macchia sulla terra;
la corona guarda e pensa:
rinizia la vana guerra.
Composta lunedì 1 gennaio 1900

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: FaceLess

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:6.60 in 5 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti