Poesie


Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
Il freddo uccide nel muto silenzio l'ultima allegria
sgorgata da bicchieri di vino e varie bottiglie di birra.
In quel gasthouse di un paesino di verde montagna
l'emigrante si giocava a carte il poco salario di ieri
sperando di riempire con il gioco le tasche di domani.

A mezzanotte in mezzo al grigio fumo delle sigarette
trasformava, con il gioco, le speranze in pura illusione,
i sogni vissuti durante il lavoro del giorno troppo duro
svanivano di notte con bottiglie vuote e donne nude.
È stata terribilmente crudele emigrare da analfabeti!

Le mani callose e gli occhi spenti carezzavano il paese
lasciato alle spalle con ferite di guerra e cuori a terra.
La sigaretta si consumava lentamente nella bocca chiusa,
le mani incrociate sotto il peso ardente della sua testa
mentre il cuore batteva forte per dirgli che non era morto.

In terra straniera piena di freddo, neve, pioggia e silenzi
trascorrevano i mesi, gli anni e le amarezze di un tempo.
Molti si perdettero, ma molti altri realizzarono il loro sogno
ritornando al paese del sole per costruire la sua casetta
dove risuscitarono i sogni, l'amore e le umane carezze.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Blu Finch

    E lucevan le stelle...

    E lucevan le stelle,
    e olezzava la terra,
    stridea l'uscio dell'orto
    e |un| passo s|fio|rava la |re|na.
    Entrava ella, |fra|grante,
    mi cadea fra le braccia.
    Oh! Dolci |baci|, o languid|e| |carezze|,
    mentr'io |freme|nte
    le belle form|e| di|scioglie|a da|i| |veli|!
    Svanì |per| sempre |il| |sogno| mio |d'amore|...
    l'ora è |fugg|ita,
    e muoi|o| disperato,
    |e| muoio |disperato|!
    E non ho |am|at|o| mai |tanto| la vita!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Andrea De Candia

      Morte per api

      Ma io, passando d'estate
      nel materno respiro d'un tramonto
      fuori città – l'anima spalancata
      nella sacralità di quel raggiante
      disfacimento... Potevo immaginare
      che un prato più splendente della bracia
      mi alzasse contro un nuvolo di fiele.
      Cadendo, non mi dolse
      tanto il morire, quanto la ferocia
      dei distillatori di miele.
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di