Poesie


Scritta da: CINELLA MICCIANI

Meraviglia

Oggi è il giorno
di un ritorno
meraviglioso.
Il cuore è sereno.
La paura svanita.
Tutto intorno
è luce radiosa.
Una pace infinita
è scesa nell'anima.
Il sorriso è tornato
luminoso e bello.
Appare uno scenario
d'infinita bellezza.
Dal cielo limpido
arriva una melodia
un coro d'angeli
che indora l'anima
irradiata di luce
dai mille colori.
Guardo attenta.
Non c'è nuvola
nel limpido cielo.
In lontananza
gli occhi del cuore
scrutano vigili
un arrivo atteso.
Ed eccolo qui.
Una figura nota
un viso amato.
La vedo ridere
allegra, felice
mentre fa cenni
si sbraccia gioiosa.
In un istante
la stringo a me.
Finito è l'incubo
svanita la tensione.
Resta l'abbraccio
che sa di magia
di favola vera
di gioia infinita.
Immensa, favolosa
magica meraviglia.
Composta mercoledì 10 gennaio 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Sono qui

    So che non mi vedi
    e neppure mi senti
    ma sono qui
    accanto a te.
    Vedo il visetto
    serio serio
    pensieroso
    lo sguardo perso
    chi sa dove
    con mille pensieri
    nella testolina
    non tutti belli.
    Vorrei tanto
    poterti parlare
    tenere la tua mano
    e dirti sono qui.
    So che hai paura.
    Ne ho tanta io
    ma ho anche
    una fede immensa.
    Andrà tutto bene.
    Lo sento dentro.
    La bontà divina
    non ha limiti
    né confini.
    Chiedete
    e vi sarà dato.
    Questo ci ha detto.
    Lui ti riporterà
    a chi ti ama
    sanata nel corpo
    serena nello spirito.
    Io sono qui
    accanto a te
    e non ti lascio mai.
    Torneremo insieme
    col cuore gioioso
    l'anima radiosa.
    Un'esplosione
    d'infinita felicità.
    Composta mercoledì 10 gennaio 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      A te Madre Santa

      Mi rivolgo a te
      Madre Santa.
      Intercedi pietosa.
      Ho bisogno
      del Tuo aiuto.
      So di essere misera
      manchevole, indegna.
      Mi prostro
      ai tuoi piedi.
      Perdona le mancanze
      la mia pochezza
      Ascoltami benevola.
      Non voglio nulla
      per me stessa.
      Accetto ogni cosa.
      Ti chiedo aiuto
      per la persona cara
      che sai Tu.
      Tu sai di chi parlo.
      Conosci tutto.
      Ti supplico.
      Veglia su di lei.
      Soffre, ha paura.
      Teme la prova
      da superare.
      Se potessi
      l'affronterei io
      al posto suo.
      Le voglio bene.
      La tengo nel cuore.
      Ha bisogno di Te.
      Esaudisci
      la mia supplica.
      Sfiorala col sorriso.
      Proteggila, sanala.
      Tieni la sua mano.
      Non lasciarla mai.
      Riportala ai suoi cari
      Madre Santa di Dio.
      Ho fede illimitata
      nel Tuo Santo aiuto.
      Ti offro il mio cuore
      grata e riconoscente
      per l'eternità.
      Composta mercoledì 10 gennaio 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rossella Di Venti

        Ricordi

        Guardiamo orizzonti inafferrabili
        che sfioriamo come mari in tempesta...
        amori travolti da onde incavalcabili...
        gabbiani in cerca di spazi infiniti
        ma traballanti nell'apprezzare ciò che il
        mare potrebbe far loro riaffiorare.
        Orizzonti lontani ma sempre vicini...
        soggetti di fotografie che mai sbiadiranno
        nel cuore di chi li ha saputi immortalare
        donando loro un mare su cui volare.
        Composta lunedì 11 gennaio 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: bbenry

          Il giardino dei tigli

          Tace questo inverno di ingratitudine
          in equilibrio sulle paure.
          Considero le carezze della malinconia
          un penoso spreco di sangue.
          Mento con la voce dell'allegrezza
          mentre scavo più mansueti orizzonti.
          Dal silenzio dei boschi sino al fruscio delle onde
          il sole compie il suo giogo
          incredulo dinanzi ai nostri travagli.
          Perdiamoci nel giardino dei tigli;
          cogliamo il dolce grappolo
          prima che i venti
          ne assaporino la carne.
          Da questo naufragio
          possiamo salvarci
          stringendoci intorno al fuoco.
          Composta giovedì 11 gennaio 2018
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di