Poesie di Valerio Varaldo

Guardia Giurata, nato sabato 7 dicembre 1974 a Acqui Terme (AL) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Valerio Varaldo

Piccola dolce rosa blu

Ho il tuo ricordo nel cuore
di quando ti ho conosciuta.
La tua paura
di non saper cosa dirmi e cosa fare
mi faceva sorridere.
Ma sei stata meravigliosa
sei riuscita ad aprire la porta
di questo cuore ormai malato
e prenderne parte.
Una parte che ormai
nemmeno Dio
può togliere.
Poi per una parola
ti ho delusa
il mio cuore era triste
e annegava nelle lacrime
gli ultimi spasmi
poi forse
tutto sarebbe finito.
Ma tu mi hai capito
in questo cuore
c'è tanto Amore
c'è tanta voglia d'Amare
non riesco a odiare
non ne sono capace.
Rimani assorta ad osservarmi
mentre una carezza
scivola sul tuo viso
una lacrima cade
subito raccolta da un bacio
ed ora abbracciato a te
mi inebrio del tuo profumo
una dolcissima essenza
di piccola dolce rosa blu.
Questo sogno meraviglioso
questa storia infinita
che non avrà mai fine
perché continuerò a decantarti
sognandoti
per sempre...
Valerio Varaldo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Valerio Varaldo

    Pensiero

    Sento questa melodia dentro di me
    mi attraversa il corpo
    di continuo
    mi fa tremare
    mi fa tornare
    per un attimo bambino.
    Vorrei danzare con te.
    Riesco a vedere nei tuoi occhi
    la voglia d'amare
    e di sognare ancora.
    Forse tutto questo
    un giorno sarà di nuovo possibile.
    Ed io resto qui nell'attesa
    e aspetto...
    Una nuova lucente alba sta per nascere
    dalla lotta con le tenebre.
    Forse questa
    sarà la giornata che aspettavo da tempo
    la giornata più bella e indimenticabile
    di una vita passata.
    Perché forse finalmente... T'incontrerò.
    Valerio Varaldo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Valerio Varaldo

      Sogno

      Le pareti di questa stanza
      bloccano i miei sogni
      non mi permettono di vedere
      non mi lasciano volare.
      Guardo il mio braccio
      e osservo le gocce della flebo
      che scendono copiose
      entrano in me
      goccia per goccia
      bruciandomi dentro
      lasciandomi vuoto.
      Vorrei urlare
      ma non ne ho più la forza
      Ho smesso di guardare con gli occhi
      ho imparato a vedere con il Cuore
      Ma non basta...
      Forse un giorno...
      quando i miei occhi vedranno il buio
      forse in quel momento...
      ricomincerò a sognare
      sarà un sogno meraviglioso
      un sogno infinito.
      Valerio Varaldo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Valerio Varaldo

        Benvenuto Alessio

        Oggi è uno splendido giorno
        un giorno meraviglioso ed unico
        il più bello
        dopo tanti...
        Anche il Sole
        che si scontra con la Luna
        facendo danzare le Stelle
        accarezza con i suoi caldi raggi
        il tuo piccolo e dolce viso.
        Una nuova vita
        è venuta alla luce
        sbocciata dall'Amore
        e dalla passione.
        Un dono del cielo.
        Uno splendido angelo
        nato sulla terra
        che con il suo sorriso
        colma i nostri cuori
        di felicità e di gioia.
        Anche il cielo ti sorride
        e gli alberi sembrano fiorire
        augurandoti il benvenuto.
        Una lacrima
        guardandoti
        solca il mio viso
        e ti abbraccio con il cuore
        perché in ogni battito
        vedo il tuo sorriso.
        Valerio Varaldo
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Valerio Varaldo

          Stella di Sicilia

          Forse il destino
          ci ha fatto incontrare...
          Ogni sera ammirando il cosmo
          rimango a contemplare una Stella.
          Una Stella...
          che invidiata da tutto il firmamento
          per la sua bellezza
          per il suo splendore
          per il grande cuore.
          Una Stella vera e viva
          capace di illuminare
          anche i momenti più bui.
          Una Stella in grado di ascoltare e consigliare
          Una Stella capace di amare e soffrire.
          Forse non una Stella ma un angelo cherubino.
          Il mio angelo...
          Forse un dono di Dio...
          non poteva farmi dono più bello.
          Rimango estasiato ad osservarti
          mentre pulsi e abbagli le altre Stelle
          facendo sì
          che tutto il firmamento
          brilli solo di te.
          Non spegnerti mai dolce Stellina
          continua a illuminarci
          con il tuo sorriso e la tua felicità.
          Sii sempre umile come sei.
          Grazie d'esistere.
          Valerio Varaldo
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di