Scritta da: Sinapsi

L'angelo nero

Nata dalle tenebre,
meravigliosa creatura
vicina al paradiso,
rosa nera silenziosa,
oscura, che acceca
fatta di brividi e scintille,
amor gentile
una lama di coltello che ti lacera la carne,
baciandoti dolcemente.
Tu divina presenza, eterna assenza
che sempre mi vegli,
dal paradiso all'inferno mi porti,
poi mi risvegli
paura e grazia, splendidamente unite
sei tu, la suprema morte,
rifugio temuto e cercato, di chi ha fallito,
e di chi ha peccato.
Simona Libretti
Composta venerdì 5 febbraio 2016
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di