Le migliori poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

Tenero è...

Tenero è quel bambino
appena nato,
che non parla,
e non cammina.
Con gli occhi inconsapevole,
verso il futuro guarda...

Triste è quell'anziano,
seduto sul divano
che non parla,
e stanco non cammina,
Con gli occhi consapevole
verso il passato guarda.
Entrambi hanno bisogno di noi.
Silvana Stremiz
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Lo sfizio di un vivere intenso

    Togli uomo al tuo tempo
    Del frettoloso vivere
    Lo sfizio di un momento
    per un vivere intenso.
    Datti del tempo
    per l'ascolto
    per il guardare
    per farlo veramente.
    Per il cogliere.
    Per toccare
    ed amare intensamente.
    Non fermarti
    Al superficiale
    A quello che è
    a portata di mano
    Cerca infondo del tuo io
    Troverai l'anima.
    In lei la coscienza
    L'amore e la pace.
    Non è poi uno sfizio
    Ma la vera felicità.
    Silvana Stremiz
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      La morte

      È fredda oscura
      arriva senza essere invitata.
      Ti avvolge nel suo gelo
      portandoti nell'oscurità.

      Puoi non volerla ma non rifiutarla.
      A prescindere dalla tua volontà.
      Si prenderà quello che il tempo,
      di te ha lasciato.

      È difficile trovare consolazione in lei,
      se non nelle rare volte che ti strappa al dolore della vita.
      Non arriva mai nel momento giusto,
      forse perché non c'è mai un momento giusto per morire.
      Silvana Stremiz
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Oblio d'amore...

        Una notte di pura follia
        un gioco erotico fatto di sguardi
        di silenzi, di parole, trasgressione
        e sussurri dell'anima.
        Il donarsi è totale
        in quella danza senza ipocrisia.
        Parlano i silenzi ballano i SENSI.
        In una solo una notte
        dove tutto è lecito
        senza inibizioni.

        Il proibito è dei codardi
        che non sanno amare
        che non sanno vivere
        ogni battito dell'essere vivi.

        Gli abiti cadono a terra spogli di tutto.
        Le labbra percorrono antichi sentieri
        segnati dal tempo ma vivi d'amore dentro.
        Il brivido profondo l'uno dentro l'altro
        una sola entità.
        Respiri di me respiro di te
        per quell'ATTIMO ETERNO
        che ci compone.

        Una forte stretta
        uno struggente abbraccio
        l'uno dell'altro.
        Prima di riprenderci i corpi
        e andarcene via
        così.... con un addio
        Io eternamente parte di te
        Tu eternamente parte di me.
        Silvana Stremiz
        Composta martedì 6 dicembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di