Le migliori poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz
Manchi
Alle parole sospese
nelle notti vuote di te.
A quel cuore spezzato
che vaga fra le stelle
in cerca di luce.

Manchi
Al comporsi di ogni nuovo giorno.
A quelle braccia che attendono
un dove stringersi la notte.
A quelle labbra che cercano
Il sapore di te.

Manchi
inevitabilmente
come al cielo mancherebbero le stelle.
Silvana Stremiz
Composta domenica 2 settembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    L'Infinito di Tutto e di Niente

    Ho imparato che il silenzio può uccidere
    e che le parole lo fanno in continuazione,
    che diciamo delle cose che non pensiamo
    sono poi i gesti a confermarle o meno,
    che possiamo rendere stelle le persone
    o renderle una semplice nullità.

    Ho imparato che l'uomo travolto dalla passione
    dice un sacco di "stronzate",
    compie gesti eclatanti che sembrano "pieni",
    si rimangia tutto con una grande facilità.

    C'è gente che professa il bene
    e sembra guidarti verso l'infinito,
    riempie il tuo universo di colori,
    di speranze, promesse e illusioni
    lasciandoti l'infinito di niente.

    C'è chi dice ti amo senza conoscerne il senso
    chi dice ti odio ma ti riempie d'amore
    chi ti riempie di tutto senza lasciarti niente.
    C'è chi dovresti odiare ma continui ad amare

    C'è chi parla dell'anima calpestando la tua
    c'è chi insegna senza aver imparato
    c'è l'infinito di tutto o di niente in ognuno di noi.
    Silvana Stremiz
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Mi piace credere nei miracoli

      Mi piace credere nei miracoli
      e che l'ultima fermata
      sia ancora lontana.

      Che correremo nei campi di papaveri
      come mai abbiamo fatto
      tenendoci per mano.
      Che ti verrà donato del tempo
      che forse non hai.
      Che le lacrime che porti nell'anima
      siano senza sale.

      Che sorriderai con il cuore
      e non con le labbra,
      perché i miracoli accadono lo sai?

      A volte l'orologio si ferma
      ancora un po', prima battere
      l'ultimo Tic-Tac.
      Silvana Stremiz
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di