Le migliori poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

Muore così un sogno fra le mani

Certe notti sono cosi amare
da spegnere ad uno ad uno le stelle
coprendo il sole con il dolore di te
Vittime di quel tempo che non passa.
Il domani è così lontano
e irraggiungibile al sorriso.
Quel tic tac così maledetto
da essere condanna
e impedire il volo di un sogno.
La nebbia delle lacrime
deposita cenere di cemento
in fondo al cuore e all'anima.
Muore così un sogno fra le mani.
Silvana Stremiz
Composta giovedì 29 novembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    L'amore è

    E un brivido intenso
    Che ti toglie il respiro
    La ragione l'obbiettività.
    Ti travolge all'improvviso
    O arriva lentamente
    Rubandoti l'anima e il cuore.
    La ragione e il sentimento
    E passione pura che brucia
    Il fondersi di battiti
    Di anime e cuori
    Di corpi e menti
    Regala pura felicità
    Ti fa sognare l'impossibile
    Fare l'assurdo l'incomprensibile
    Raggiungere il paradiso
    E precipitare all'inferno
    In un solo momento...
    Silvana Stremiz
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz
      Vorrei poter fermare il tempo,
      ora in questo istante.
      Non in quello di ieri che è già passato.
      Né in quello di domani, che troppo incerto è.
      Domani che preferisco sognare ed immaginare.
      Vorrei poter fermare il tempo.
      Fra i ricordi del passato,
      l'emozione del presente
      i sogni di domani.
      Fermarlo in questo istante... qui con te.
      Silvana Stremiz
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Se...

        Se non hai tempo per me,
        se i tuoi pensieri non possono,
        se hai fatto le tue scelte
        e per me non c'è posto,
        se il posto che offri
        è solo ritaglio di tempo
        fatto di pensieri distratti
        col rumore del niente...

        Se ogni gesto è incompiuto,
        insapore, né dolce né amaro,
        con l'odore dell'indifferenza...
        Se averti è accontentarsi
        di briciole, di attese
        di angoscia e tormento,
        piena di dubbi senza risposta...
        Se l'unica certezza
        è il vuoto che è in me,
        se troppo ci ho scommesso
        e poco o nulla mi dai
        e se del tempo non hai...

        Me ne vado, piego i ricordi
        prendo a calci il niente, straccio il dolore
        raggiungo domani guardando il passato
        con una lacrima che scende,
        non trovo una ragione che mi trattenga.
        Silvana Stremiz
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di