Poesie di Salvatore Siracusa

Questo autore lo trovi anche in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Totó

Me nanna

Me nanna s'assittava nno scaluni,
facia casetta e puru casittoni.
Nn'avia  né radiu né televisioni,
senza telefunu a disposizioni.

Carricacina cu l'occhi squatrava:
si quarcuna davanti ci passava,
c'a manu lu scaluni puliziava
unni l'amica so si c'assittava.

Tutti li nuvità di lu paisi,
cosi successi a jorna o a misi
si li cuntavinu comu no giurnali:

tuttu sapivanu di Muntirriali.
Quannu finivanu la chicchiariata,
ppi idda era na bella jurnata.
Salvatore Siracusa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Totó

    Ti voglio bene

    Ti voglio bene:
    tre parole.
    Ti voglio bene:
    un programma.
    Ti voglio bene
    è più che dir ti amo.
    Ti voglio bene
    eppur lontani siamo.
    A volte è vero,
    che quando s'è vicini
    si è spesso lontani.
    Se non si avvera:
    "lontano dagli occhi:
    lontano dal cuore",
    c'è di mezzo l'amore.
    Ti voglio bene.
    Salvatore Siracusa
    Composta martedì 20 settembre 1994
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Totó
      A volte, come vuole la natura,
      quando si apre la mandorla matura,
      si trovan due spicchi ognun perfetto,
      e per lor conto è ciascun corretto.

      Si sono incastrati l'uno nell'altro.
      Non si può dir di lor qual è più scaltro.
      Sono d'aspetto concavo o convesso,
      combaciano e godono l'amplesso.

      Solo perché legati per natura,
      il nostro sentimento eterno dura.
      Moltiplicate furono le gioie.

      Sottratte sono state certe noie.
      Divise ogni pena e dolore
      la nota addizione dell'amore.
      Salvatore Siracusa
      Composta domenica 20 settembre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di