Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: RITA MARIANNA

Bellezza

È un riflesso scintillante, la bellezza,
lasciato negli occhi di un viandante
che incede sul tratto dell'orizzonte
che congiunge il sole calante al mare.
È un eco di rimando di parole d'amore
vociate tra le catene di monti
che circondano il mondo.
È corolla nettata dalla rugiada dell'alba
che cinge la dolce ilarità di un bimbo.
È cascata d'argento che serpeggia
tra i sassi spianati, rotolati nei tracciati svuotati dal tempo.
È la grinza incavata sul viso del vecchio
che racconta le favole d'epoche vissute.
È il fioco crepuscolo della sera
che accarezza le ombre congiunte degli amanti.
È la stretta ardente e sincera,
riparo dalle amarezze della vita.
Rita Marianna
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: RITA MARIANNA

    Passate memorie

    I raggi di luna si riflettevano sui bianchi marmi,
    sculture marmoree in posa nei secoli.
    Ravvivavano i volti senz'occhi d'espressioni assenti, fontane d'acqua scrosciante dalle fauci di leoni inermi, e da anfore sostenute da avvenenti ninfee coi seni a stento coperti
    dai veli.
    Riaccendevano il fiero volto dell'Angelo Michele con la spada a mezz'aria,
    serrata nella sua proba mano verso il maligno.
    I visi raggianti di guerrieri vincitori, la bocca contorta e addolorata dei vinti.
    Frammenti di storia nelle strade deserte di notte, lontani dal dolore dell'oggi che indugia incurante sulle passate memorie.
    Rita Marianna
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: RITA MARIANNA

      Prigionia

      Nel ventre della terra
      le mie gambe sono imprigionate,
      si agitano, s'impennano, desiderano
      scarcerarsi, ma affondano sempre più
      in questa terra che imprigiona
      senza spiragli di fuga.
      Schiavitù disperatamente eterna.
      L'ombra di una mano le tiene saldamente
      ancorate, mentre lottano con rabbia per liberarsi,
      finalmene abbandonare la disperazione
      e correre altri passi e luoghi, libere...
      persino di volare come fanno gli uccelli
      migratori, oltre i confini del cielo.
      Rita Marianna
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: RITA MARIANNA

        Cammini con me

        Cammini con me, pensiero,
        assillo di presenze mancate,
        d'eventi di nugoli gonfi di pioggia,
        di sorrisi al sapore di mandorla amara.
        Cammini con me, pensiero,
        mancante di volto, nell'ombra,
        nell'affannoso mio incedere.
        Cammini con me,
        il tuo velo invisibile copre
        le mie paure di volti assenti
        di quella gente con le
        bocche colme di menzogna,
        con i cuori indifferenti all'amore.
        Cammini con me, presenza
        nei silenzi solitari dell'anima,
        baluardo contro la mia solitudine.
        Rita Marianna
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: RITA MARIANNA

          Vento di memorie

          Il vento spira tenue,
          costante
          tra le fronde degli alberi
          e il fruscio sospira piano
          voci di spasimi remoti
          privati di tempo.
          Passeri arroganti che volano senz'ali,
          nell'anima a stento impuntita.
          Solcano fino all'ultimo ciglio
          preservato e protetto.
          Fiaccano le membra,
          assottigliano il fiato,
          curvano le ginocchia in deboli preghiere,
          che anelano levare le reminiscenze
          dal cuore.
          Rita Marianna
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: RITA MARIANNA

            Non so scrivere parole d'amore

            Non so scrivere parole d'amore,
            odo pianti muti, desolanti,
            che non emergono dal seno,
            si celano dietro sbarre invalicabili.
            Non so scrivere parole d'amore,
            squarciano il respiro
            del tormento e del rimpianto.
            Non so scrivere parole d'amore,
            frenesie fragranti
            di corolle colorate,
            ali di rondine sulla bocca riarsa.
            Non so scrivere parole d'amore,
            onde infinite
            che accarezzano ogni lembo del vivere,
            accompagnano l'anima,
            nei lampi di brame, tremori,
            sobbalzi del cuore.
            Rita Marianna
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: RITA MARIANNA

              Il torrente

              Il corso del torrente,
              segnava l'incedere
              in discesa, verso la landa.
              Passi affannosi accompagnavano il suo flusso.
              L'effluvio e i bisbigli tra ciottoli levigati.
              Anima pura, serena e trasparente
              al tocco scorreva tra le mie dita, evadendo lontano
              muovendosi in luoghi sconosciuti
              ai meandri del cuore.
              Abbeverava frammenti riarsi, serrati
              al varco d'amore,
              obliato dalla dolenza.
              Rita Marianna
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: RITA MARIANNA

                Lasciatemi

                Lasciatemi passare
                vento che abbraccia il mistero
                segreta via della passione nel cuore

                lasciatemi cantare
                canzoni lacrimose di sirene
                abbandonate negli abissi dell'oceano

                lasciatemi ascoltare
                suoni di conchiglie
                che alitano gli aneliti del mare
                negli occhi delle anime smarrite

                lasciatemi sognare
                l'intreccio delle tue mani
                larici spinosi nella mia carne inerme

                lasciatemi errare perennemente
                spirito tormentato
                schiacciato afflitto ferito
                lacerato d'amore
                nei turbini della mia vita.
                Rita Marianna
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: RITA MARIANNA

                  ANIME

                  Siamo anime cupe, impalpabili di solitudine,
                  apriamo varchi alla notte, che s'inoltra e s'infittisce nei pensieri,
                  nei ricordi e sotto la pelle ruvida.
                  Locomotive lanciate a forte velocità,
                  rincorriamo la luce della coscienza.
                  Siamo mari in alta marea privi di battima per passeggiare sul cuore,
                  bramiamo di non annegare nelle paure delle nostre ombre.
                  Riflessi del mondo.
                  Rita Marianna
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: RITA MARIANNA

                    Sento il tuo canto

                    Sento il tuo canto infranto,
                    è una spina amara
                    che frena il mio sospiro,
                    che lacera il mio seno,
                    ricordo e pena che sfioriscono l'anima.
                    È canto lacrimoso d'esitazione il rimpianto,
                    che dal buio della tua ragione
                    arriva al tuo cuore.
                    È canto che osa da lontano,
                    saturato dal tempo che inesorabile
                    ha coperto di fitta neve
                    piccoli germogli mai cresciuti.
                    Il tempo è tempo e trasforma ogni cosa,
                    è ago di bilancia che riequilibra l'universo,
                    l'anima afflitta e le condanne del cuore.
                    Rita Marianna
                    Composta sabato 17 dicembre 2016
                    Vota la poesia: Commenta