Scritta da: Paolo Bau'

Il Sipario

È ormai vuoto il palco.
È rimasto solo l'orologio, e la polvere del tempo passato.

Ha un taglio vecchio questo mio vestito
e la mia caccia con le dita non trova altre monete
nelle sue tasche

Trovo invece foto ingiallite
del tempo in cui ero disperato, di quel secolo in cui ho odiato
e di quel lampo, in cui sono stato felice

ed altre immagini
vecchie, sgualcite, spiegazzate
delle cose che ho capito, delle persone con cui ho parlato,
e del mio vivere, con le persone che ho amato

e nella tasca più grande
un'immagine che ho sempre tenuto piegata
per non vederla mai, per non vivere quel rimpianto
di non essere mai stato chi davvero sono.

Immagini, sensazioni, emozioni,
che volevano ancora tempo
che non volevano quell'orologio
e che sono tutte con me,
qui, nel profondo nelle mie tasche
a venire nel mio obbligato passo
verso la fine del palco,
verso la vera sconfitta

La vera sconfitta
di quando, dietro al sipario,
tutto sarà...
passato prima,
dimenticato poi,
mai stato infine.
Paolo Bau'
Composta lunedì 9 novembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di