Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Michele Maddaluno

Consulente, nato a piano di sorrento (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Carottese

A cuscienz e l'arbitr - La coscienza dell'arbitro

Vurria sapè chi è l'arbitr e cuscienza
ca ogni tant send e' nomina'
stong spund de fa a'conoscenza
e chist cà decide in serie A

aggia spiat a nu grande allenatore
ca ten 'e scola fatta a Coverciano
m'àrrit forse si, e tiemp e na vota
quanno l'arbitr teneva a dignità

mò ò calcio ormai è gioco malato
pochi song rimasti a lo sunnà
mò ce sta gente sulo interessat
ca penzan e denar c'anna fà

c'è sta ò calcioscommesse a malafede
acconciano a partita pe m'bruglià
mariul ce n stann a tonnellat
'e tutt e serie da C fin a serie A

piccirill o' gruss o' gigantesc
e sbagli manc a VAR e pò accuncià
e chi i' denuinz a chist chi s'immisc
so piezz gruoss e stann a cumandà

se ò fallo e rigore è inesistente
ma va fa mocc' o gol l'anna dà
l'arbitr, guardalinea e assistente
nun anno vist niente che vuò fà

e allenator scassan e panchin
se n'cazzan, ma pò fennesce llà
è megli ca sta zitt senza fà casin
ringrazia a Dio si riest in serie A

e che vvo pozz dì, certe famiglie
ormai e na vita che stann a cumandà
ò campionat se decide dal principio
e stu scudetto te lo può scurdà

perciò m'àritt sto grande professor
sta conoscenza tu pecchè a vvo' fà
pochi so l arbitr che sanno sta parola
mò viene tu e ch'a' vvò fa m'parà

insomma tu vvò vencere ò scudetto
e ò presidente nu campione addà accattà
ò campionat ò vince si, ma e tene a ment  
ca pure a cuscienz e l'arbitr e accattà  


Italiano:

Vorrei sapere chi è l'arbitro di coscienza
che ogni tanto sento nominare
sono ansioso di fare la conoscenza
di questo che  decide in serie A

Ho domandato a un grande allenatore
che ha fatto la scuola a Coverciano
mi ha detto forse si, i tempi di una volta
quando un arbitro teneva dignità

Ora il calcio è gioco malato
pochi sono rimasti a sognare
ora c'è gente solo interessata
che pensano i denari che devono fare

Ci sta il calcioscommesse la malafede
aggiustano la partita per imbrogliare
ladri ci stanno a tonnellat
in tutte le serie dalla C alla serie A

Piccoli, grossi o giganteschi
gli sbagli neanche la Var li può aggiustare
e chi li denuncia a questi chi si immischia
sono pezzi grossi e stanno a comandare

Se il fallo di rigore è inesistente
ma va in miseria il gol lo devono dare
l'arbitro il guradalinee l'assistente
non hanno visto niente che vuoi fare

Gli allenatori rompono le panchine
si arrabbiano ma poi finisce là
è meglio stare zitti e non fare casino
ringrazia a Dio che resti in serie A

E che vi posso dire certe famiglie
ormai è una vita che stanno a comandare
il canpionato si decide dal principio
e questo scudetto te lo puoi scordare

Perciò mi ha detto questo grande professore
questa conoscenza tu perchè la vuoi fare
pochi sono gli arbitri che conoscono questa parola
adesso vieni tu e ce la vuoi fare imparare

Insomma tu vuoi vincere lo scudetto
e il presidente un campione deve comprare
il campionato si vince si, ma tieni a mente
che anche la coscienza dell'arbitro devi comprare
Michele Maddaluno
Composta venerdì 4 maggio 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Carottese
    O' primmo penziere appena arapo l'uocchie
    è stregnert forte comme fosse a primma vota
    pe nun perdere na goccia e chisto ammore.
    Te lascio sola pe quacche minuto o tiempo pe vedè si esce ò sole,
    pò corro appena accummencio a sentì addore.
    Te guardo cù passione e sentimento mentre te sento e murmurià.
    Tu ò saje si a machinetta mia, a preferita
    me accuntentà pure sta jurnata
    che è bbona o malamente, chi o pò sapè
    ma senza stu cafè nun pozzo sta.

    Traduzione:
    Il primo pensiero appena apro gli occhi
    è stringerti forte come fosse la prima volta
    per non perdere una goccia di questo amore.
    Ti lascio sola per qualche minuto il tempo di vedere se esce il sole, poi corro appena comincio a sentire l'odore.
    Ti guardo con passione e sentimento mentre ti sento di mormorare.
    Tu lo sai sei la mia macchinetta, la preferita
    mi accontenti anche questa giornata
    che è buona o cattiva, chi lo può sapere
    ma senza questo caffè non posso stare.
    Michele Maddaluno
    Composta sabato 14 ottobre 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Carottese

      N'paraviso - In paradiso

      Si chiur ll'uocchie nu mumento
      i stongo aret'o' Rivolo
      abbasc Alimuri, ò Cavaliere.
      Si chiur ll'uocchie nu mumento
      i stongo n'capa a ripa
      abbasc Cassano, ò Puorto.
      Si chiur ll'uocchie nu mumento
      i stong a via Crawford
      n'copp e coll e funtanell.
      Si chiur ll'uocchie nu mumento
      i stongo a piazza Tasso
      n'copp o capo e bagni da regina.
      Caruotto, Meta, Surriento, Santaniell
      i stongo n'paraviso.

      Se chiudo gli occhi un momento
      io sono dietro a Via Rivolo
      giù Alimuri, al cavaliere.
      Se chiudo gli occhi un momento
      io sono in capo alla ripa
      giù cassano., al Porto.
      Se chiudo gli occhi un momento
      io sono a via Crawford
      sopra i colli fontanelle.
      Se chiudo gli occhi un momento
      io sono a piazza Tasso
      sopra al capo ai bagni della regina.
      Piano di Sorrento, Meta, Sorrento, Sant'Agnello
      io sono in paradiso.
      Michele Maddaluno
      Composta giovedì 7 gennaio 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Carottese

        Isola d'Ischia

        Na nuvola se posa n'copp a sta muntagna
        che commo ò purp sta a cagnà culore
        nu vient accarezza ò mare, che comma à jatta
        pare che fà e fus
        Pò na pioggia scenne chiano a goccia a goccia,
        comme fossero parole e rumanziere.
        All'intrasatte ò sole arape ò cielo,
        comme s'arapa a porta e casa toia
        scinn a n'cuntrà st'ammore
        è Ischia, culore e fantasia.



        Una nuvola si posa sopra a questa montagna
        che come un polpo sta cambiando colore
        un vento accarezza il mare, che come un gatto sembra faccia le fusa.
        Poi una pioggia scende piano a goccia a goccia
        come fossero parole di romanziere.
        All'improvviso il sole apre il cielo
        come si apre la porta di casa tua
        scendi a incontrare questo amore
        è Ischia, colore e fantasia.
        Michele Maddaluno
        Composta mercoledì 9 settembre 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Carottese

          Napule era

          Annanz à na tazzulella e cafè
          sentev a primma vota pe radio a vocia toja
          mettette panne e creature ò sole
          sciugliennese comme neve all'equatore.
          Sta musica comme na femmena
          e tu o saje comme fa ò core
          trasette dint all'anema e int e vene.
          Si state nu mascalzone latino
          e pure all'ato munno, tu sarraje
          ò musicante e chesta terra mia

          Davanti ad una tazza di caffè
          sentivo la prima volta per radio la tua voce
          misi i panni e i bambini al sole
          si sciolsero come la neve all'equatore.
          Questa musica come una femmina
          e tu lo sai come fa il cuore
          mi entrò nell'anima e nelle vene.
          Sei stato un mascalzone latino
          e pure all'altro mondo tu sarai
          il musicante di questa terra mia.
          Michele Maddaluno
          Composta lunedì 9 febbraio 2015
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Carottese

            A' pittata

            Vulesse esser nà tela
            pe guardà chill'uocchie tuoie
            ca se regnen e culure
            pe vasà chella vocca
            c'addeventa nu penniell
            pe te fa sbattere ò core
            quanno pitt chist'ammore.

            Vorrei essere una tela
            per vedere gli occhi tuoi
            che si riempiono di colori
            per baciare quella bocca
            che diventa come un pennello
            per farti sbattere il cuore
            quando dipingi questo amore.
            Michele Maddaluno
            Composta lunedì 2 febbraio 2015
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Carottese

              N'amico

              Si si nu vero amico,
              nun te 'mport si so troppo sincero
              o faccio ò malamente.
              Si si nu vero amico,
              nun me lasse sulo, si stong a stritt e vico
              e a furtuna passa.
              Si so nu vero amico, nun e avè mai appaura
              e pure quanno vai fujenne
              n'amico overo te capisce sempe.

              Se sei un vero amico, non ti importa se sono troppo sincero e mi comporto male.
              Se sei un vero amico
              non mi lasci solo se mi trovo alle strette
              e la fortuna passa.
              Se sono un vero amico, non avere mai paura
              e pure scappi
              un amico vero ti sa capire sempre.
              Michele Maddaluno
              Composta giovedì 15 gennaio 2015
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Carottese

                Penziere e parole

                Aropp'nà seratà fatt a vino e jastemme
                me votte rint'ò lietto a fronna e rosa
                cercàn e piglià suonno lemme lemme.
                Antrasatta arteteca me n'gappe, me turcea
                me venene a mente penziere e parole
                che mozzecano comme fosse nà jattura.
                So ricordo e quanno era guaglione, pare ajere
                nun me mancava salute e pezza argiento
                mò che songo viecchie e sulo, chi me crede.
                Qua tiempo, parole e penziere, che m'porta
                piglio a siggiulella e me metto fora a loggia
                tenenn a mente chesta luna rossa.

                Dopo una serata a ubriacarmi di vino e bestemmie
                mi butto dentro al letto come una foglia di rosa
                cercando di prendere sonno piano piano.
                Improvvisamente mi prende un agitazione, mi torce
                mi vengono in mente pensieri e parole
                che mordono come fossero una sciagura.
                Sono ricordi di quando ero giovane, sembra ieri
                non mi mancava salute e biglietti in denaro
                adesso che sono vecchio e solo, chi mi crede.
                Quale tempo, parole e pensieri, che mi importa
                prendo la seggiolina e mi metto fuori al balcone
                tenendo a mente questa luna rossa.
                Michele Maddaluno
                Composta domenica 25 maggio 2014
                Vota la poesia: Commenta