Scritta da: Marilena Aiello

Una tua foto

Ti cerco e ti guardo
ti osservo e ti studio
vedo le rughe che non sai
e quelle che hai già dimenticato
vedo riflessa nei tuoi occhi
la scena che stai guardando tu

Scopro sul tuo viso e tra le sopracciglia
espressioni sempre nuove
leggo quasi i tuoi pensieri
ma, lo so, li sto inventando
e quindi invento che un po' mi pensi
che un po' ti manco
e che ti chiedi, ogni tanto, se penso a te

Invento intere storie che mi racconto
e mi sorprendo a sorridere
a mimare la nostra improbabile conversazione
a ripetere la scena finché sia come la vorrei
finché si disegna come non sarebbe mai

Mi illudo e mi prendo un po' in giro
ma che male c'è? è solo un sogno privato
qualcosa che non cambia nulla
una cosa che non sai né saprai
che mi tiene vicina al pensiero di te
al ricordo di noi in serate serene
in momenti belli, fotografie di vita.
Marilena Aiello
Composta giovedì 15 dicembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marilena Aiello

    Dieci collanine

    Dieci collanine
    non di fiori né perline
    Sono note colorate
    legate insieme, annodate
    Son le note della tua voce
    delle tue risa, della mia pace
    Son le note che porto al collo
    le porto ai polsi o tra i capelli
    Ad ogni passo, ad un soffio di vento
    ad un saluto, in ogni momento
    suonano allegre, colorano il cielo
    di ogni tristezza sciolgono il velo
    Tu me le hai regalate, le hai tessute, le hai create
    ed io gelosa le conservo, le suono, le nascondo,
    ché più dell'oro son preziose:
    tutte le ragazze sono invidiose!
    Ma io ho dieci collanine
    non di fiori né perline
    sono note scritte col cuore
    e profumano del tuo amore!
    Marilena Aiello
    Composta giovedì 1 dicembre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marilena Aiello

      Cucciolo mio

      C'è nel tuo sguardo una domanda
      alla quale io adesso rispondo:
      il mio cuore gabbia non è,
      sai bene che andar via puoi già ora o quando tu vuoi.

      Mi dispiacerà, lo sai,
      non averti più qui,
      cullato dalla tenerezza,
      coccolato con amorevole dolcezza.

      Mi rattristerà, lo vedi,
      saperti in volo controvento,
      umido di pioggia o assetato dal caldo,
      arso di sole o affamato dalla neve.

      Io soffierò forte per spazzar via le nuvole
      perché la tua strada sia nitida di giorno
      e illuminata di stelle ogni notte.
      Giammai ti tratterrò, non ti legherò, né la tua natura ostacolerò.

      Tu, cucciolo mio, non dubitare mai
      che il tuo ritorno possa esser vano:
      le braccia aperte troverai ad accoglierti,
      gli occhi lucidi brillanti di felicità.

      Dal mio cuore note nuove sgorgheranno
      che tu saprai cantare sorridendo.
      E adesso vai.
      Marilena Aiello
      Composta giovedì 10 novembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marilena Aiello

        Indecisione d'amore

        Taci, mio cuore logorroico!
        Taci, lasciami dormire e dimenticare!
        Taci, abbi pietà delle mie lacrime!

        Mai più voglio sentire la sua bella voce!
        Mai più voglio vedere i suoi occhi radiosi!
        Mai più voglio essere rapita dalla sua risata!

        Che cada nell'abisso dei ricordi inutili!
        Che sprofondi nel buio delle stanze chiuse!
        Che sparisca per sempre dalla mia vita!

        Che suoni adesso alla mia porta e mi sorrida...
        Che mi avvolga di nuovo con le sue braccia...
        Che possa io perdermi ancora nell'odore della sua pelle...
        Marilena Aiello
        Composta venerdì 30 settembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di