Pietà, o Mio Signore

"Acqua" chiedevi dalla Croce
sofferente e pietoso, Mio Signore.
Aceto hai ricevuto dall'uomo
feroce e crudele, Mio Signore.
Ancora oggi, sempre,
tu chiedi "Acqua"
quando ti immoli per noi,
preghiere che ti sostengano nella prova
e giunge solo l'aceto della cattiveria.
Signore, pietà, per l'indifferenza
che ti segue sul Calvario,
pietà per chi ti si rivolge
solo nel bisogno,
pietà per chi non ha mai tempo
per vivere con Te la Croce
e ascoltare la Tua ultima richiesta: "Acqua".
Maria Elena Minciullo
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di