Scritta da: matisse

Ricordi d'infanzia

Credimi il mio mondo
era diverso, distese verdi piene
di fiori circondavano
il paese
rallegrato da urla di bimbi
che felici riempivano le strade.
Nei vicoli il vocio
delle comari intente
a sfrerruzzare coperte
come un'eco arrivava
fino al campanile.
I lenzuoli stesi battevano
sulle mura delle case
tutte piccole e piene di vita.
L'odore acre dei camini
si spandeva nell'aria
ribollivano i fagioli
nelle pignatte
mentri i carri rientravano
stanchi e affamati dalla campagna.
Poi mille lumicini
accendevano il paese,
cadeva il silenzio
e nella quiete esso riposava.
Margherita Fantozzi
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di