Gianca geixetta de Santa Libbia.

A tì vegnì con mâe fìggio e cö-i can,
gianca geixetta sola di mâe veggi;
vegnì a tì sciù ö finì da russa stâe
quando çê e monti luxan come i speggi!

E chêugge, andando, drento i prâe
scioette e föne grossi massi lëggi;
e stô a sentì, settâe tra-i castagni,
l'oxellin fô sciù i rami i sô consëggi!

Ma questo figgio, questo mâe gran figgio,
nö tempo ciù gh'avià pe vegnì a tì:
e mì, cö-e forze, zù zù a me ne liggio.

E-a questo chêu nö resta che da chì
versci spedite brutti e che-a nö striggio
e solu poeta goffo i me fan dì!...

Bianca chiesetta di Santa Libera

a te venire con mio figlio e con i cani - bianca chiesetta solitaria dei miei vecchi: - venire da te sul finire della rossa estate - quando il cielo ed i monti luccicano (=luxen) come specchi (=speggi)!
E raccogliere (=chêugge), andando, dentro i prati - fiori (=scioette) e farne (=föne) grossi mazzi - e stare a sentire, seduti (=settâe), tra i castagni, - l'uccellino dare dai rami i suoi consigli (=consëggi).
Ma questo figlio (=figgio), questo mio figlio adulto (=gran), - non avrà più tempo per venir da te: - ed io, con le forze giù giù discendo (=liggio).
Ed a questo cuore non resta che da qui - versi spedirti (=spedite), brutti e che non ripulisco (=striggio) - e che solo poeta goffo mi fanno riconoscere (=dì).
Luigi Panero De Leua
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di