Scritta da: Luigi Berti

Navigare

Guardo in silenzio le pagine che scorrono senza commento,
come nella vita reale passano i giorni senza parole,
nell'oblio che mi avvolge non conosco la realtà,
che più volte si nasconde dietro false verità.

Ti proponi e poi ti accetti ma...
son sempre tutti pronti a guardare i tuoi difetti,
questo mondo mi sconvolge non ha più i suoi confini,
si nasconde sotto spoglie di chi naviga senza remi.

La tua nave non è quella che ti porta verso terra,
dove ormai hai preso posto sulle ali del progresso
e ti trovi a navigare sulle onde senza il mare,
e se l'onda è troppo alta la mente ti sconquassa.

non ci sono più parole per descrivere ciò che è male,
il cervello si rifiuta e non le vuole ascoltare,
bombardato tutto il giorno da un mondo virtuale,
dove metti al primo posto tutto ciò che non ha volto.
Luigi Berti
Composta martedì 30 maggio 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Berti

    Il cerchio dell'infermo

    Con tutta la voglia di rimanere al mondo
    mi trovo sospeso tra il limbo dell'inferno,
    come un fanciullo che porta la fatica
    senza aver peccato mai nella sua vita.

    E poi mi distraggo a guardare le stelle
    nell'immenso del cosmo son così belle,
    ed io una formica su questa terra
    schiacciato dal peso dell'indifferenza.

    Ti porge la mano chi ha un dovere
    ma poi nel bisogno si trattiene,
    così nel baratro del pregiudizio
    precipito senza sapere il rischio.
    Luigi Berti
    Composta martedì 7 febbraio 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Luigi Berti

      L'alba (a Forte dei Marmi)

      Un gabbiano sta volando
      come guardia nella notte,
      sul pontile l'onda sbatte
      mentre il cielo si schiarisce.

      Nell'immenso orizzonte
      si accavallano le onde,
      si trascinano con forza
      e sulla sabbia muore l'onda.

      Il fortino è sempre in tiro
      ammira tutto e fa un sospiro,
      vorrei anch'io poter volare
      con le ali sopra il mare.

      Le bilance sono in schiera
      da mattina fino a sera,
      mentre il mare è il padrone,
      si apre il cielo e sorge il sole.
      Luigi Berti
      Composta martedì 3 gennaio 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Luigi Berti

        Preghiera di un cane

        Stammi vicino non mi lasciare
        resta con me non mi abbandonare,
        guarda il tuo mondo pieno di guerre
        cercano la pace con le mitraglie,
        guarda i miei occhi sono gli stessi
        che ti sorridono quando ti incazzi,
        sento la rabbia vedo il dolore
        ma la mia coda scodinzola ancora,
        io non ho colpe non sono un uomo
        se poi nascondo qualche bisogno,
        sopra il tappeto sotto il divano
        sono i posti che più io amo,
        tu mi rimproveri tutte le volte
        senza sapere qual è la mia sorte,
        dove ho sbagliato qual è il mio torto
        mi domando dentro il tuo sguardo,
        vedo il rancore che porti addosso
        mi viene un brivido mi sento perso,
        ma la mia coda scodinzola ancora.
        Luigi Berti
        Composta domenica 25 dicembre 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Luigi Berti

          Il canto degli uccelli

          M'incamminai per stare in pace
          lungo una via di querce ombrose,
          in un vortice di foglie cadute
          il canto degli uccelli l'unica quiete.

          Distesa via senza meta
          dove vi partii alla cieca,
          le stelle sono ancora lassù
          la notte le accende di blu,

          Dominio di serenità
          cosparge la terra infetta,
          sul bordo di un precipizio
          sorge la via eretta.

          Ma sento ancora dentro
          il canto portato dal vento,
          uno stormo di uccelli in volo
          melodia di un soave coro.
          Luigi Berti
          Composta mercoledì 23 novembre 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di