Come un cigno

Nuotare ~ galleggiare ~ immergere la testa
spruzzando giocoso l'acqua sul mio corpo
per ritrovarmi con vibrazione corporea
asciutto come un cigno.
Questa è
l'aspirazione
dll'anima mia
nell'esser immersa
fra relazioni umane.
Intuire
in consapevole
vibrante ascolto interiore
quell'"esistente essere asciutto"
prima dell'immersione.
Libero Ciapparelli
Composta mercoledì 10 giugno 1987
dal libro "Fluire" di Libero Ciapparelli
Vota la poesia: Commenta

    Fervidi cuori

    Vivide fiamme
    nel camino
    palpitanti
    sfavillano.

    Di fronte
    due nude anime " stupite
    coinvolte in seducenti incanti
    pervase dal duplice desiderio, fra
    il sentirsi accolte in vivifiche carezze
    o donare vibranti appassionati abbracci

    Come fragranti boccioli, tremoli/frementi
    s'aprono alla reciproca brezza amica
    giocose ~ gaie ~ armoniche essenze
    di: tepori/contatti/profumi/sapori
    dal gioioso crogiolo scintillano
    spontanei affettuosi occhi.

    In questa radiosa esperienza
    svapora la fredda formale ombra
    proiettata da artificiosi personalismi
    ridestando percezioni ~ tenere/virili ~ felici/solari
    risvegliate dal focolare acceso da fervidi sensibili cuori.
    Libero Ciapparelli
    Composta giovedì 25 gennaio 1990
    dal libro "Fluire" di Libero Ciapparelli
    Vota la poesia: Commenta

      Primavera

      Spoglio.... da problemi quotidiani
      senza meta... cammino fra la Natura
      Percezione di respiro ~~ leggerezza ~~ pace

      Tutt'attorno... Silenzio Creativo

      Dal gorgoglio dell'acqua sui sassi
      sbocciano di tanto in tanto... canti
      allodole ~~ cornacchie ~~ fringuelli.

      Agli occhi l'immagine riflette una visione scheletrica
      rami d'alberi ~~ arbusti ~~ alcuni ciuffi d'erba secca.

      Dal risveglio sotterraneo si diffonde un delicato profumo
      che sboccerà in fiorente bellezza ed intense fragranze.

      È come rivivere l'Esperienza suggestiva del passaggio
      tra lo stato di sonno profondo e lo stato di veglia
      nel quale sta per schiudersi – germogliare
      il potenziale creativo che si esprimerà
      nel corso della giornata.

      In questo riflesso
      che la Natura rinnova nella sua seducente ciclicità
      l'interno mio vive in coralità nel Vitale Presente.

      Condividerlo è soave con Te che mi leggi.


      Parco Ticino – 21 marzo 1987.
      Libero Ciapparelli
      Composta sabato 21 marzo 1987
      dal libro "Fluire" di Libero Ciapparelli
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di