Scritta da: Leandro C.

Messina 1° Ottobre 2009

Molti stavano lavorando
Mentre stava piovigginando,
Ogni tanto fuori davi un'occhiata
a quella pioggia sempre più in picchiata.
L'acqua nelle strade sta salendo
Ed i torrenti sta inondando,
La montagna sta assorbendo
Ma pian piano sta cedendo,
Guardate si sta mollando
è un'immensa valanga di fango.
La gente urla e chiede aiuto
Qualcuno non è sopravvissuto,
Sono bastate poche ore
Per creare il terrore.
Il fango ha travolto tutto
e si è portato via molte vite soprattutto,
è arrivato fino a valle
Lasciando solo devastazione alle sue spalle.
C'è la strada da liberare
e per questo bisogna spalare,
Scavare incessantemente
Per salvare quella gente.
La lista dei morti è in aumento
Un altro cuore purtroppo si è spento,
Ancora si cercano i dispersi
Sono ancora diversi.
Sabato 10 Ottobre
Funerali di Stato tra luci ed ombre,
Un omaggio a chi è morto con onore
Noi tutti ci uniamo al vostro dolore.
Leandro Crucitti
Composta lunedì 12 ottobre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di