Le migliori poesie di Klara Erzsebet Bujtor

Nato a Keszthely (Ungheria)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Un angelo

Miché...
Guarda il cielo,
c'è una stella con le ali!
-No, non la vedo!
Miché...
Guarda! Sta venendo verso a noi con le ali stese
-No, non la vedo!
Miché...
Guarda! Ha le ali grandi bianchi che scintillano argentino nell'azzurro,
-No, non la vedo!
Miché...
Guarda! Si è posato sulla mia mano e mi inonda di luce bianca rutilante,
-No, non la vedo!
Miché... Si!
No la vedi, sono certa,
non sei uno di noi,
una luminosa stella con le ali,
un soave benedetto
Angelo!
Klara Erzsebet Bujtor
Composta mercoledì 10 novembre 2010
Vota la poesia: Commenta

    Una poesia mai scritta

    Lo sfogliare un libro di poesie
    cariche d'emozioni, e bellezza inaudita,
    e fu presa dalla voglia
    e pensai,
    - voglio scrivere poesie,
    ad ogni uomo, ad ogni donna,
    più bella della loro vita,
    più bella del loro sogno,
    bella come bella l'amore.

    Ho preso un quaderno, una penna,
    ed incominciai a scrivere, scrivere,
    e le parole scorrono una dopo l'altra,
    il sole brilla negli occhi,
    pensieri che prendono il volo
    per raggiungere l'infinito.

    Ogni tanto fermai,
    e continuai con la luce nel cuore,
    con l'emozione impazzita
    con l'anima farfalla.

    Ad un tratto si ferma la penna,
    la magia svanì nel nulla,
    mi sentii stanca, vuota,
    arrabbiata e delusa,
    e con il cuore dolente ho chiuso il quaderno,
    e con pungente amarezza ho posato sopra
    la penna.
    Una poesia mai scritta,
    il Dio mi ha maledetto,
    di non diventare mai
    una poetessa.
    Klara Erzsebet Bujtor
    Composta giovedì 6 ottobre 2016
    Vota la poesia: Commenta

      I primi raggi del sol levante

      I primi raggi del sol levante
      accarezzano l'erba bagnata di lacrime delle stelle,
      che rimbalzano come palline d'oro nel cielo
      portando con se verde profumo.
      Destano gli uccelli
      e come la gente nella città che iniziano la giornata,
      si fanno un metropoli cinguettante
      in quest'aria fragrante.
      Anch'io inizio la mia giornata
      ed intanto alzo lo sguardo
      guardando nella profondità azzurra
      la felicità del cielo,
      e se mi spuntasse un paio di ali
      la raggiungerei.
      Klara Erzsebet Bujtor
      Composta martedì 2 agosto 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di