Il martirio

Tulipani neri annacquati da lacrime glaciali
le loro grida colmano vuoti abissali
afferrati da una brutalità devastata
pianti infrangono una realtà agiata
furie intense bruciano le interna
la confusione in silenzio ritorna
ogni illusione è ormai sgretolata
ogni sensazione è ormai depennata
le emozioni scivolano tra le dita
un soffio spazza via i residui di spirito
entità appassite in un giardino onirico
tormentato da idee inaridite
circondato da figure delineate
la processione osservata da occhi impietosi
il fardello trascinato rende i passi faticosi
il martirio troverà fine alle luci del mattino
vivere è uno sventurato scherzo del destino.
Joseph DC
Composta venerdì 16 giugno 2017
Vota la poesia: Commenta

    Idk

    Le vie della città mutilate da un'aria gelida
    le gocce di un cielo rosso bagnano la strada
    spiriti purificati da lacrime di rugiada
    cumuli di cenere appartenenti ad una vita bruciata
    frammenti di stoffa riciclati per un'anima ricucita
    brezze fresche ricordano un'aurora ormai svanita
    frantumi di psiche riflessi in schegge di vetro
    esistenze in macerie coperte da un lenzuolo tetro
    figure adagiate delicatamente in cofani di larice
    corpi frivili tumulati dalla terra ai piedi di un salice
    vedove suonano ballate celtiche durante i sacri riti
    animi abbandonano terre natie nuotando verso lidi ignoti.
    Joseph DC
    Composta venerdì 16 giugno 2017
    Vota la poesia: Commenta

      IDK2

      Ali lacerate/ Pensieri inarcati
      Lacrime perdute/ Alfieri sacrificati
      Scuse scivolate/ Cavalieri imprigionati
      Realtà riservate/ Avventurieri imbranati
      Menzogne indossate/ Sentieri disperati
      Liriche squarciate/ Incubi intrecciati
      Utopie avvelenate/ Destini disegnati
      Memorie bruciate/ Ciarlatani raffinati
      Purezze ingannate/ Sogni emarginati
      Speranze lapidate/ Mari ritirati.
      Joseph DC
      Composta venerdì 16 giugno 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di