Le migliori poesie di Hermann Hesse

Poeta, scrittore, aforista e filosofo, premio Nobel per la letteratura, nato lunedì 2 luglio 1877 a Calw, Württemberg (Germania), morto giovedì 9 agosto 1962 a Montagnola (Svizzera)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Elisa Iacobellis

Settembre

Triste il giardino: fresca
scende ai fiori la pioggia.
Silenziosa trema
l'estate, declinando alla sua fine.
Gocciano foglie d'oro
giù dalla grande acacia.
Ride attonita e smorta
l'estate dentro il suo morente sogno.
S'attarda fra le rose,
pensando alla sua pace;
lentamente socchiude
i grandi occhi pesanti di stanchezza.
Hermann Hesse
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gabriella Stigliano

    Vieni con me

    Vieni con me!
    Devi affrettarti però -
    sette lunghe miglia
    io faccio ad ogni passo.
    Dietro il bosco ed il colle
    aspetta il mio cavallo rosso.
    Vieni con me! Afferro le redini -
    vieni con me nel mio castello rosso.
    Lì crescono alberi blu
    con mele d'oro,
    là sogniamo sogni d'argento,
    che nessun altro può sognare.
    Là dormono rari piaceri,
    che nessuno finora ha assaggiato,
    sotto gli allori baci purpurei -
    Vieni con me per boschi e colli!
    tieniti forte! Afferro le redini,
    e tremando il mio cavallo ti rapisce.
    Hermann Hesse
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marilù Rossi

      Nella nebbia

      Strano, vagare nella nebbia!
      È solo ogni cespuglio ed ogni pietra,
      né gli alberi si scorgono tra loro,
      ognuno è solo.
      Pieno di amici mi appariva il mondo
      quando era la mia vita ancora chiara;
      adesso che la nebbia cala
      non ne vedo più alcuno.
      Saggio non è nessuno
      che non conosca il buio
      che lieve ed implacabile
      lo separa da tutti.
      Strano, vagare nella nebbia!
      Vivere è solitudine.
      Nessun essere conosce l'altro
      ognuno è solo.
      Hermann Hesse
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: mor-joy

        Canzone d'Amore

        Per dire cos'hai fatto
        di me, non ho parole.

        Cerco solo la notte
        fuggo davanti al sole.

        La notte mi par d'oro
        più di ogni sole al mondo,
        sogno allora una bella
        donna dal capo biondo.

        Sogno le dolci cose,
        che il tuo sguardo annunciava,
        remoto paradiso
        di canti risuonava.

        Guarda a lungo la notte
        e una nube veloce-
        per dire cos'hai fatto
        di me, non ho la voce.
        Hermann Hesse
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di