Scritta da: FRANCO PATONICO

Columbus way (un viaggio a ritroso)

Dal mar pare risorto
ed un antico faro
lo guida ancora al porto
del borgo marinaro.

A te volge lo sguardo
il tuo navigatore
che leva lo stendardo
in fè del Salvatore.

Sì, l'Ammiraglio è vivo,
fulgente e ardimentoso
benché d'un legno privo
per l'ultimo a ritroso.

L'ormeggio che lo attende
è un laccio alla memoria
che saldo non s'arrende
ai venti della storia.

Europa vagli incontro,
vai, corri mia nazione!
E non lasciar lo scontro
a vincer la ragione.

Sarai la sua sorpresa
e l'ultima scoperta
dal dì che t'hanno resa
una frontiera aperta.

E mai sia la spada
a ridestar chi tace
Europa non t'accada
di rinnegar la pace!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    Anch'st'ann' e' Natal'

    Anch' st'ann' e' natal'
    l'altr' giorn' su la sufitta
    ho inciampat' nun vulend'
    nt'n pupin d'l pr (e)sepi.
    Era 'n bel pastor'
    sa 'n agn (e)llin' su l' spall'.
    Chissà com'è finit'
    tra l' cianfrusaj...
    ch' n'avess' imparat'
    ch' fra pog' è Natal'!?
    Lì p'r lì, ch'l pupin',
    m'ha fatt' 'nì la voia
    d'arcoi subit' anicò
    e pr (e)parà 'n bel pr (e)sepi.
    Ho ruvistat' drenta l'armari
    'ndò c (i)'avev' arpiattat'
    tutt' 'l n (e)c (e)ssari:
    la grotta, l' casett',
    i Re Magi sa i gamei,
    e drenta 'n scartozz'
    'l bue e l'asinell'.
    Vurichiati sa la paia,
    p' nun fai ruvinà,
    la Madonna, San Giusepp'
    e nt' la greppia 'l Bambinell'.
    Po' ho vutat' l' scattulon'
    ndò è 'nut' fora l'angiulett'
    ch' s' m (e)tteva' a sp (e)ndulon'
    su la capanna, sopra 'l tett'.
    Quant' l'ho dett' ma mi moj,
    p'r lia è stata 'n'emuzion'
    e ha sist (e)mat' a la mej
    l' stanzin' ch'era di sbroj.
    Propi com' ch'i anni bei,
    magari più puretti,
    ma p'r quant' s' stava mal'
    'l Natal' era Natal'.


    Anche quest'anno è Natale

    l'altro giorno in soffitta
    ho inciampato non volendo
    su un pupino del presepe.
    Era un bel pastore
    con un agnellino sulle spalle.
    Chissà com'è finito
    tra le cianfrusaglie!?
    Lì per lì, quel pupino
    mi ha fatto venir la voglia
    di raccogliere subito tutte le cose
    e preparare un bel presepe.
    Ho rovistato dentro l'armadio
    dove avevo messo da parte
    tutto il necessario:
    la grotta, le casette,
    i Re Magi con i cammelli
    e dentro un cartoccio
    il bue e l'asinello.
    Avvoltolati con la paglia,
    per non farli rovinare,
    la Madonna, San Giuseppe
    e nella greppia il Bambinello.
    Poi ho vuotato lo scattolone
    dove è venuto fuori l'angioletto
    che si metteva a penzoloni
    sulla capanna, sopra il tetto.
    Quando l'ho detto a mia moglie
    per lei è stata una emozione
    e ha sistemato alla meglio
    lo stanzino ch'era degli sbrogli.
    Proprio come gli anni belli,
    magari più poverelli,
    ma per quanto si stava male,
    il Natale era Natale.
    Franco Patonico
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO

      'Na girnata ummida

      Ogg (i) c'è maretta:
      'l vent' è da punent'
      e 'l ciel' grig' scur'
      s'è mess' a gucinà.

      Saria d'armann' a casa,
      a sbizzarirm' sal p. C.
      o a sed' su la pultrona,
      sa ' 'n libbr' da finì.

      C (e) prov', ma dop' 'n po',
      arguard' da la finestra,
      po' mett' su 'n maion'
      e pi l'umbrella e vo d' fora.

      Quant' 'l mar' è moss'
      s' dic (e) ch' 'l mar' è brutt',
      sarà p (e)rché sa mett'
      paura e sugg (e)zion'.

      Lu' gambia d' culor'
      s (e)cond' com'è 'l ciel'
      ch' adessa è arnuvulat'
      e m' sa ch' nun s'armett'.

      In gir' c'è poga gent':
      qualcun' a spass' sal can'
      e chi s' ferma a legg (e)
      la lucandina d'l giurnal'

      Incontr' sul marciapied'
      'n cunuscent' ch' m' saluta;
      m' scans e 'i rispond'
      sa 'n cenn' e 'na battuta.

      'N gabbian', sa l'al' apert',
      vulteggia contra vent';
      alz' i occhi p' guardal'
      e m' vien da fa 'n r (e)spir'.

      Pì 'na bucata d'aria
      ch' sa d' mar' e sal'
      e machì, vicin' al mol'
      puzza 'n po' d' pesc (e).

      'L rintocc' d' la campana
      d' Santa Maria d'l Port'
      m' dic (e) ch'è 'nuta l'ora
      d'arpia la via d' casa.

      Intant' ch'l gabbian'
      com' 'n aquilon' bianc'
      vulteggia e po' scumpar'
      tra i scoi, 'ndò spruzza 'l mar.


      Una giornata umida
      Oggi il mare è mosso,
      il vento è da ponente
      e il cielo grigio scuro
      si è messo a piovigginare.
      Sarebbe da rimanere in casa
      a sbizzarrirmi con il PC
      o a sedere in poltrona
      con un libro da finire.
      Ci provo, ma dopo un po'
      guardo ancora dalla finestra,
      poi metto su un maglione
      e prendo l'ombrello e vado fuori.
      Quando il mare è mosso
      si dice che il mare è brutto,
      sarà perché sa mettere
      paura e soggezione.
      Lui cambia di colore
      secondo com'è il cielo
      che ora è nuvoloso
      e mi sa che non si rimette.
      In giro c'è poca gente;
      qualcuno a spasso con il cane
      e chi si ferma a leggere
      la locandina del giornale.
      Incontro sul marciapiede
      un conoscente che mi saluta
      mi scanso (gli cedo il passo) e gli rispondo
      con un cenno e una battuta.
      Un gabbiano con le ali aperte,
      fatica contro vento;
      alzo gli occhi per guardarlo
      e mi viene da fare un respiro.
      Prendo una boccata d'aria
      che sa di mare e sale
      e qui vicino al molo
      puzza un po' di pesce.
      Il rintocco della campana
      di Santa Maria del Porto
      mi dice che è venuta l'ora
      di riprendere la via di casa.
      Guardo ancora quel gabbiano
      come un aquilone bianco
      volteggia e poi scompare
      tra gli scogli dove spruzza il mare.
      Franco Patonico
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO
        Uttobr'

        S'è vultat' 'n temp' trist'
        e  tira 'l vent' d' bora;
        anch'ogg(i)  ho bell'e vist'
        ch' n'è aria d' sta fora.

        L'autunn' è incuminciat'
        ormai da qualch' giorn'
        e ch'  'l  temp' è gambiat'
        basta  a guardass' intorn'.

        Da com' s' vest' la gent',
        dal  d(e)sert' d' la marina
        dal rumor' ch' s' sent',
        e  dai prufumi d' cucina.

        A casa mia hann' pres' post'
        e  hann'  scelt'  'n bel' canton;                  
        l'  castagn' cott' a rost'
        su 'n  furnell' a garbon'.

        S' discorr' e  s' gioga a cart'
        e  d'  più,  ch'  poi vulè!
        I p-nsieri  metti da  part'
        sa 'n  bicchier' d' vin' brulè.

        Uttobre benturnat',
        sei stat' 'n bel' pr(e)test':
        quei d' casa hai ardunat',
        ma fa ch' t'armetti prest'.


        Ottobre

        Si è voltato un tempo cattivo
        e tira il vento di bora,
        anche oggi ho bell'e visto
        che non è aria di star fuori.

        L'autunno è incominciato
        ormai da qualche giorno
        e che il tempo è cambiato
        basta guardarsi attorno:

        da come si veste la gente,
        dal deserto della marina,
        dal rumore che si sente
        e dai profumi di cucina...

        A casa mia hanno preso posto
        e hanno scelto un bel cantone;
        le castagne cotte arrosto
        su un fornello a carbone.

        Si discorre e si gioca a carte
        e di più cosa puoi volere!
        I pensieri metti da parte
        con un bicchiere di vino brulè.

        Ottobre bentornato,
        sei stato un bel pretesto:
        quelli di casa hai radunato,
        ma fa che ti rimetti presto.
        Franco Patonico
        Composta giovedì 15 ottobre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di