Scritta da: FRANCO PATONICO

Ch' 'l diaul d'Dringulin (Quel diavolo di Terremoto)

Ch' 'l diaul d'dringulin

l'ser'dop'cena,
d'invern'sotta l'fest',
gì a lett'pareva prest'
e s (e) nonna era in vena
d'arcuntacc (e) qualca fola,
tutti a sed'sopra la rola.
Nisciun d'nò fiatava
e c (e) bastava cusì pog'
p'sta svegghi intorn'al fog'.
E nonnna cò arcuntava?
Com'tutt'l'altr'ser',
tirava fora l'om'ner'.
"Sent'i coppi sopra 'l tett':
sa sta piova e sa st'vent'
sarà 'na nott'da spavent'!
E s (e) po' tr (e) mass' 'l lett',
n'avè paura sa ninin,
è ch' 'l diaul'd'dringulin',
ma nò sem'siguri.
Piuttost', vò stasera
arcudevv'la pr (e) ghiera".
E com'lia arbatteva i scuri,
'l men'troll'd'nò era gitt'
già a lett'zitt'zitt'.
Franco Patonico
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    Filastrocca d'l cuntadin'

    Filastrocca d'l cuntadin'

    Com'tutt'l'matin'
    sve (ggh) ia'l gall'ma l'galin'

    senza arlogg (i) lù sa l'ora
    e dal pular'l'manda fora.

    'L cuntadin's'alza dal lett'
    e'l piccion'vien'giù dal tett';

    anch'la cioccia sgappa prest'
    sa i pulcini dal canestr',

    ma la gatta arman'da sola
    a durmì sopra la rola.

    C (i) 'ha'l vitell''na s (e) ttimana
    e prend''l latt'da la mungana;

    'l maial'par ch'sarnocchia
    e nt'l trocc's'pastrocchia.

    Già scudinzula p'l'ara
    'l cagnulin'ma la v (e) rgara

    e'l sumar'nun c (i) cred'
    ch''l caval'dorm'in pied'.

    C'è'l din don ch'fa la rota
    e nt'la pozza'l pesc (e) nota,

    anch'l'anitra c (e) sguazza,
    l'oca fugg (e) e starnazza.

    La capra zompa dal fienil'
    e ruba l'erba ma'l cunil'.

    Chi n'fa gnent'e chi fatiga,
    'l passarin'pia'na muliga;

    'l rundon'ancò nun vola,
    filastrocca campagnola.
    Franco Patonico
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di