Scritta da: FRANCO PATONICO

Giù p(e)l fium' - Giù per il fiume

Andà a spass' giù p(e)l fium'
s' r(e)spira un'antr' aria,
e s' sent' 'n antr' prufum'.

Anicò è armast' ugual'
e chi machì fa 'l chiass'
ènn l' solit' cical'.

Io m'arcord ch' da fiol
passav' tant' temp'
giu' p(e)l fium' oppur' al mol.

P(e)r no' era 'na gara
sa 'n am' e 'l fil' d' spagna
a p(e)scà 'na baldigara

o a caccia d' animai
di raghni e ciambotti
e n' andavi a casa mai,

ma adè chi c'(i) va più,
s' fa anicò d' fuga,
e se guardi malà giù

vedi 'sol' 'n fium lent'
ch' tra i greppi e i caneti,
va e nun l' ferma gnent.


Andare a spasso, giù per il fiume
si respira un'altra aria
e si sente un altro profumo.

Ogni cosa è rimasta uguale
e chi, qui fa il chiasso
sono le solite cicale.

Io mi ricordo che da bambino
passavo tanto tempo
giù per il fiume oppure al molo.

Per noi era una gara
con l'amo ed il filo di nylon (filo di spagna)
pescare una baldigara (cefalo)

o a caccia di animali,
di ramarri e di rospi
e non andavi a casa mai.

Ma adesso chi ci va più
si fa tutto alla svelta
e se guardi laggiù

vedi solo un fiume lento
che tra i greppi e i canneti
va e non lo ferma nulla.
Franco Patonico
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO
    "Dì indò'ndam"

    Se nunvulend s (e) nti a dì
    a s (e) nigaja "dì, indò'ndam"
    nun p (e) nsà ch'nò machì
    sunam'tutti l'campan'.

    'L bell'è ch'la risposta,
    da sempr'e chissà com',
    manch'a fall'a posta,
    è "a la messa al dom".

    Foss'sol p'cujunà
    o'n bel vers'p'fa rima,
    ma indò s'dev'andà
    te n'sai men'd'prima.


    Se non volendo
    senti dire a Senigallia
    "dimmi dove andiamo?"
    Non pensare che noi qui
    suoniamo tutti le campane.
    Il bello è che la risposta
    da sempre e chissà come,
    neanche a farlo a posta
    è "a la Messa al Duomo".
    Fosse solo per canzonare
    o un bel verso per far rima,
    ma dove si deve andare,
    tu ne sai meno di prima,.
    Franco Patonico
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO
      D'invern' a S-nigaja

      E' fredd'.
      Dal mar' sent' ch'arriva
      'l lament' d' la sirena.
      'n c'è in gir' n' anima viva:
      è 'na nott' d' luna piena.

      Luna sbiavita dal n(e)bbion'
      ch' adè' s' taia sal curtell'
      e  c'è la  luc(e) d' 'n  lampion'
      ch' nascond' anch' l' stell'.

      Dagià la guazza ha mullat'
      la strada, 'l docc(h) e la marina
      e l'  barch' enn'  urm(e)ggiat'
      ferm' adoss' a la banchina.

      E' fredd'.
      Camin' mezz' intirizzit'
      e sal coll'  'n po' 'artirat';
      c(i)'ho l' man' indul(e)nzit',
      ma so' sempr' innamurat'.

      Pens' ch'  n' la cambiaria
      sta  città 'n' po' scuiunata:
      a S(e)nigaja c' staria
      anch' adè ch'è indurm(e)ntata.

      Sem' anco' a  m(e)tà  f-brar'
      e l'invern' c(i) avria bastat',
      ma a   Pasqua, in riva al mar',
      s' sent' già l'aria d' l' istat'.


      D'inverno a Senigallia
      È freddo.
      Dal mare sento che arriva
      il lamento della sirena.
      Non c'è in giro un'anima viva,
      è un notte di luna piena.
      Luna sbiadita dal nebbione
      che adesso si taglia con il coltello
      e c'è la luce di un lampione
      che nasconde anche le stelle.
      Di già la guazza ha bagnato
      la strada, il porto  e la marina
      e le barche sono ormeggiate
      ferme addosso alla banchina.
      È freddo.
      Cammino mezzo intirizzito
      e con il collo ritirato;
      ho le mani indolenzite,
      ma sono sempre innamorato.
      Penso che non la cambierei
      questa città un po' scoglionata:
      a Senigallia ci starei
      anche adesso che è addormentata.
      Siamo ancora a metà febbraio
      e l'inverno ci avrebbe bastato,
      ma a Pasqua in riva al mare,
      si sente già l'aria dell'estate.
      Franco Patonico
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO

        'L temp'fugg (e)

        'L temp'fugg (e)

        Fiol,
        è scors''l temp'
        cusì d'fuga ch's'c (i) arpens'
        n'm'par''l vera.

        M'par'iarsera
        ch'sei v (e) nut'al mond'
        e stavi'nt'(u) n fagott'.

        Ma adè sei'n giuvinott'
        ch'va p (e) r cont'sua,
        sta 'tenti!

        M'arcumand,
        n't'fa pià da la bisciola,
        pia'l temp'ch'c (i) vol',

        senza badurlat'
        e tien'a ment'
        ch'anicò passa
        nt'(u) n mument'.


        Il tempo fugge

        Figlio,
        è passato il tempo
        così alla svelta
        che se ci ripenso
        non mi par vero
        Mi pare ieri sera
        che sei venuto al mondo
        e stavi in un fagotto.
        Ma ora sei un giovinotto
        che va da solo.
        Stai attento,
        mi raccomando,
        non ti far prendere dalla fretta (paura di non farcela)
        prendi il tempo che ci vuole
        senza perdere tempo
        e ricorda
        che tutto passa
        in un momento.
        Franco Patonico
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: FRANCO PATONICO

          Garbin'

          St' vent' ch' c(e) fiara
          ogg(i) par' ch' t' sciagatta;
          già s' suda a nun fa gnent'
          e s'appicciga la pell'.

          'L sol' è com' 'l fog,
          ch' scotta e brugia l'aria
          e invell t'arpara l'ombra
          da sta luc(e) ch' t' accega.

          'l garbin increspa 'l mar'
          e la sabbia ch' è 'n v(e)llut',
          ma s(i) vultass' da l(e)vant
          la bàusa 'n po' c(e) sciora.

          Garbino

          Questo vento che ci bruciacchia
          oggi pare che ti leva il fiato,
          già si suda a non far nulla
          e si appiccica la pelle.
          Il sole è come il fuoco
          che scotta e brucia l'aria
          e in nessun posto ti ripara l'ombra
          da questa luce che ti acceca.
          Il garbino increspa il mare
          e la sabbia che è un velluto,
          ma se girasse da levante,
          la bava di vento un po' ci rinfresca.
          Franco Patonico
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di