Da tempo vado matto per una vettura,
è limpida di un candido colore
che a me appare come un bianco candore
e per la sua particolare targa,
son certo, la riconoscerei tra mille.
Appena da lontano l'intravedo
le faccio l'occhiolino con gli abbaglianti
ma pure lei come la padrona al volante
di me non si cura e passa avanti.
Solo quando è sola nel parcheggio
mi permette tutto e, lungi da occhi indiscreti,
si lascia anche con dolcezza accarezzare.
Adesso, però, sempre più io mi domando...
la Musa non sarà mai una megera
se mi ha così davver tanto stregato?
Un dì la presi in prestito mentale
solo allo scopo di diventar poeta
seppur un pensierino ce l'avevo,
ma visto che pure lei è un'arpia
d'ora in avanti mi terrò a distanza.
State certi, però, che per il mio gran canto
un bel dì, di sicuro, mi pagherà il conto.
Francesco Andrea Maiello
Vota la poesia: Commenta

    L'amore del bello

    Solo al pensier sei bella,
    Musa divina,
    proprio pertanto
    son davver folle!
    Se ti vedo mi confondo,
    poi ti penso e sprofondo,
    infin ti sogno, mi risvegli,
    l'intera notte insonne
    passo tra rime e versi
    e così mi spasso
    per vederti poesia.
    Questo è il mio amor
    sempre compresso
    tra pensier sensuale
    e coscienza morale,
    è naturale e conflittuale
    da quando ci fu
    la colpa originale.
    E così tra razionale
    e spirituale della donna
    mi rimane l'ideale.
    Son certo, verrà giorno,
    presago il cor mel dice,
    che in vita rinsavirò,
    non più insanirò
    e alla luce del bello
    per solita mania
    sarà eterna follia.
    Francesco Andrea Maiello
    Vota la poesia: Commenta

      Lo spettacolo del bello

      Musa mia fatale,
      vederti
      fu splendido abbaglio,
      conoscerti
      è stata vision del bello,
      pensarti
      è vera mania,
      amarti
      sarebbe pura follia,
      sognarti
      sarà solo utopia.
      Convien allor
      ammirarti,
      sei uno spettacolo
      da prima fila
      ma per ascoltarti
      è d'obbligo
      allacciar le cinture
      per volar con la melodia
      della tua voce
      che d'incanto
      dona l'oblio
      e finanche conduce
      alla sublime estasi
      della viva luce.
      Francesco Andrea Maiello
      Vota la poesia: Commenta

        Lo stalking d'amore

        È pieno esaurimento
        sarà innamoramento
        o, ahimè, è decadimento.
        Ma son versi pure in rima
        allora qui c'è lo zampino
        di una musa su un matusa
        con la mente ormai fusa
        e poeta sol per caso.
        È bella intesa spirituale
        senza nulla di carnale
        ma si sfora nel mentale
        e, col rischio della molestia
        come la corte di una bestia,
        però si entra nel legale
        e siamo in tema di penale
        per dover così decidere
        a chi spetta infin pagare,
        al poeta che infierisce
        o alla musa che subisce
        e talora s'infastidisce
        per non dir s'inviperisce,
        un cuore affranto dal dolore
        sempre più infranto dall'amore.
        Francesco Andrea Maiello
        Vota la poesia: Commenta

          L'anima in poesia

          Esisto per amare veramente
          secondo i dettami della coscienza,
          spirito nella materia
          e luce della verità
          che si trova tra le certezze
          della mente alla ricerca
          del senso della vita,
          che è sempre tanto amore
          e realizza l'anima
          nella sua vera essenza
          e con la tua presenza
          nella luce per l'eternità.
          Francesco Andrea Maiello
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di