Scritta da: Zio Haus

Delusione

Vorrei se si può si imparare
dalla maestria nel fare
di colui che tutto appare.

Assai compiaciuti saran loro in mente,
quegli immeritevoli buoni a niente,
ora che del piacer mio si tingon la pelle;

E di sol tinger si tratta,
poiché amaramente pagheranno
per il pregio ottenuto con l'inganno.

La peggior cosa in tutto questo
è che di esser immeritevoli
ne son perfin loro ignari.

Ma la mia ascesa con splendor verrà
quando la strada seguirò
ch'è per diritto mia.
Domenico Aragona
Composta venerdì 20 marzo 2015
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di