Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Domenica Borghese

Nato (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Domenica Borghese

La culla del mio respiro

È poco il tempo che trascorro con te,
prego il mio Angelo di proteggermi
ad ogni respiro e pensiero che vivo.
In mezzo al mondo, tra tanta gente tu
non ci sei più ma seguo le tue parole:
ascolta il tuo cuore e fa tutto per amore.

Ascolto le canzoni che mi cantavi,
imparai a sognare insieme a te.
Donna, amica, moglie e madre
il tuo sguardo diretto, dolce e severo
sento ancora la tua voce che mi dice:
ascolta il tuo cuore e fa tutto per amore.

Sei stata la culla del mio primo respiro
quel bacio che mi svegliava al mattino
lo sguardo vigile su una bimba fragile
ma le stagioni poi diventano ricordi
la vita cambia volto e lascia il mondo.
Domenica Borghese
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Domenica Borghese

    L'amore non si sporca di bugie

    Sai ho imparato che l'amore vero non muore.
    Mi hai lasciata sospesa,
    rubando il tempo che si è fermato in te.
    Noi distanti ormai dall'orizzonte di sera,
    da quel tramonto in cui
    sognammo tra le mani una vita per l'eternità.

    Io sono stata per te la pedina buttata fuori
    da una mossa sbagliata,
    la carta da regalo strappata e poi bruciata
    Io facile preda di domande fragili
    che oscurano i miei pensieri.
    Ma ora voglio solo ricominciare a sognare.

    Basta così, ritorno da me
    via dai tuoi occhi dalle promesse,
    faccio spazio nel mio cuore
    tempio dell'amore e io
    non voglio più piangere.
    Giro pagina, torno a vivere
    a dare un senso ai giorni miei.
    L'amore non si sporca di bugie.
    Domenica Borghese
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Domenica Borghese

      Lasciami vivere

      Non sarò più comprensiva
      sono stanca ma insofferente
      come un sasso buttato in acqua.
      Non sarò la tua speranza
      perché tu hai spento la mia
      chiudo la porta e vado via.
      Lasciami vivere non mi soffocare
      sono nomade, voglio viaggiare
      voglio solo aria da respirare
      giorni di vita da ricordare
      ma ritornerò da te quando
      avrò parole da raccontare.
      Ho vissuto nel mondo
      su strade deserte e affollate
      gente che va tra casa e lavoro
      cieca davanti al burrone
      si perde vanamente nelle vanità
      ha perso il senso della libertà.
      Vedessi com'era bella la Terra
      era una vergine verde e azzurra
      cascate di acqua fresca
      gli alberi abbracciavano il cielo.
      Là ho conosciuto la felicità
      libera di essere nella libertà.
      Adesso è tempo e torno da te,
      ci vediamo al bar della strada
      aspettami lì seduto e intanto
      ordina due bicchiere d'acqua fresca
      brinderemo con un sorriso io e te
      mentre l'altra gente va via indifferente.
      Domenica Borghese
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Domenica Borghese

        L'eternità

        Quale via di fuga ci sarà
        dal tuo pensiero che volerà
        dentro un nuovo giorno,
        forse un ricordo, forse speranza.
        Lava il tuo viso, ha sete di libertà,
        nello specchio non si riflette
        ma ascolta la forza del cuore
        che libera la pace nell'amore.

        Corri fuori indifferente,
        per le strade tanta gente,
        ognuno tace la sua storia
        come il corpo con l'anima.
        E chi sarà sincero, chi amerà davvero,
        nel disordine del mondo che
        non riconosce la bellezza
        che splende nei tuoi occhi.

        Qualcuno affiancherà i tuoi passi
        con la forza del cuore e ti darà
        la libertà della pace nell'amore.

        Io arriverò e con me ti porterò
        vedremo sorgere l'aurora,
        mentre il cielo bacia le onde
        col vento canteremo l'eternità.
        Domenica Borghese
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Domenica Borghese

          Tu sei

          Guardo il sorriso della luna, penso a te,
          il cielo cambia ancora umore, sopra di me,
          è come carta il ricordo di me con te,
          di noi, amore.

          Divisi non valiamo niente stai con me,
          è una porta chiusa il futuro senza di te,
          è indelebile l'amore di me, di te,
          di noi insieme.

          Sulle tue labbra la promessa bacerò,
          tra le tue dita un sigillo io metterò,
          si fa eterno questo istante un si tra noi,
          da me a te.

          Tu sei il risveglio di ogni mio respiro,
          tu sei la meta del mio viaggio.
          Domenica Borghese
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Domenica Borghese

            Lo sai che

            Lo sai che a volte il sole si commuove
            per non farsi vedere si nasconde
            dietro le nuvole quando piove.

            Noi ci amiamo ma scappiamo per paura
            mentre nasce un'emozione in un respiro
            che sfiora un'idea e si posa sul viso.

            Lo sai che noi siamo infiniti
            troppo distanti ma vicini
            in mezzo al mondo e ai suoi guai.

            Lo sai che a volte la verità sa mentire,
            si veste di sorrisi ma guarda altrove.
            Basterebbe uno sguardo occhi negli occhi
            per svelare l'ombra di un inganno.

            Lo sai che siamo immortali io e te,
            mano nella mano verso l'orizzonte,
            rimarranno eterne le nostre impronte.
            Si tu lo sai che non abbiamo fine.
            Domenica Borghese
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Domenica Borghese

              Sulla riva del cielo

              Mi siedo accanto a te
              vicino alla solitudine di un salice,
              voglio ridare colori e sapori
              alla vita che mi ha amato,
              regalandomi pioggia e sole
              che troppo spesso ho odiato.

              Lasciami abbracciare questo istante
              vedo su di me gli sguardi della gente,
              sento la musica triste del tuo sorriso
              la tua carezza sul mio viso
              guardo dentro i tuoi occhi
              che da sempre amano i miei
              l'emozione che sento non morirà mai.

              Partirò e lascerò di me
              i ricordi del mio vivere
              il bianco il nero non li vedo più
              ogni giorno vissuto lo coloro
              come quando ero bambina
              e tutto era un semplice gioco.

              Al sole non c'è la mia ombra al tuo fianco
              ma vivo eternamente nel ricordo di chi
              nel suo viaggio mi ha dato un passaggio.
              Il mio sguardo si posa sulla riva del Cielo
              su quell'orizzonte sorge il tramonto
              solo per me nasce un nuovo giorno
              in un canto di eterne parole d'amore.
              Domenica Borghese
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Domenica Borghese

                Hai indossato le mie parole.

                L'aria profuma di terra bagnata;
                le nuvole come una tenda si aprono al cielo
                e lasciano splendere il sole.
                Tu stai lì seduta a giocare con una margherita
                e l'amica solitudine ti ha insegnato ad ascoltare
                il canto del silenzio, musica d'argento.

                Tu con una carezza sul mio viso
                mi hai raccolto come un cucciolo tremante
                abbandonato nel vicolo della speranza
                hai tolto la ruggine dai miei sogni
                scoloriti dalle stagioni del tempo.

                Sei il mare che custodisce in ogni goccia
                i segreti della sua esistenza
                cullàti dal suo eterno movimento
                sfiorati da respiri di vita.

                Tu hai indossato le mie parole
                per spogliarmi dal mio dolore
                come la paura che incontra il coraggio
                ero un cieco che vedeva nel buio
                non conoscevo il mondo oltre me stesso.
                Domenica Borghese
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Domenica Borghese

                  Nel tuo ultimo giorno

                  Se nel cielo vedi solo cielo,
                  nella terra solo terra,
                  nel mare solo mare,
                  in un colore solo quel colore.
                  Se chi hai accanto ti parla,
                  ma senti solo il suono delle parole,
                  senza capire cosa ti chiede il suo sguardo,
                  e continui a gridargli addosso
                  senza dargli una carezza, un abbraccio, un bacio,
                  allora sei sordo, cieco, muto, immobile.
                  Mi hai detto che nel tuo ultimo giorno
                  vuoi amare di più, sorridere di più,
                  riparare ogni rapporto rotto e sentirti vivo.
                  Mi hai detto che nel tuo ultimo giorno
                  l'ascolterai di più, l'abbraccerai di più,
                  la guarderai negli occhi tenendole le mani,
                  le accarezzerai il viso e le dirai che l'ami,
                  allora ti auguro di vivere ogni giorno
                  il tuo ultimo giorno.
                  Domenica Borghese
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Domenica Borghese

                    Sole di settembre

                    Uscire sotto il tiepido sole di settembre,
                    incontrarsi mentre il cielo cambia umore.
                    Abbracciarsi e chiedersi: come stai?
                    Raccontarsi un po' di noi e poi
                    sorridere guardando quei bambini
                    che giocano con bianche ali di carta.

                    Seduti in mezzo agli altri a parlare
                    di chi ha troppo e chi ha niente
                    ma c'è qualcosa d'importante che
                    è legato a qualcuno che non c'è più,
                    e senti di non appartenere al mondo
                    se guardi tutto con gli occhi fissi nel blu.

                    Ho visto i sogni negli occhi della gente,
                    sui loro volti ignorati da sempre.
                    Portano sul viso i segni della vita,
                    fermarsi a osservarli è come condividere
                    gioie e dolori in un solo istante,
                    e sentire quanto sia importante
                    restare un attimo accanto a loro
                    anche se non lo sapranno mai.
                    Domenica Borghese
                    Vota la poesia: Commenta