Poesie di Dario Motti

Nato venerdì 1 settembre 1950 a milano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Umorismo.

Scritta da: dax

Il sogno del prato

Il prato sogna
l'erba felice
cosparsa di fiori
di giochi bambini

Rugiada d'argento
che ammicca alla Luna
amica dei grilli e delle falene

Erba frusciante nel vento
che rimembra i ricordi

Erba infinita, erba che canta
erba ridente di suoni
che aspetta da sola il mattino,
per scaldare al Sole
il fiore più bello.
Dario Motti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: dax

    La strada

    Cammini nel silenzio dei tuoi pensieri
    passi pesanti nel fango della strada,
    ricordi che navigano nella mente come velieri
    caduti in un mare silenzioso di rugiada

    Solitario continui la tua via strana
    non so dove ti porterà la tua malinconia
    forse miserando tra le braccia di una puttana
    oppure felicemente verso la mania

    Ora ti lascio misterioso pellegrino
    ti stringo il braccio come un saluto
    augurandoti di trovare il tuo destino:
    perché della speranza il pensiero non è mai muto.
    Dario Motti
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: dax

      Vuoi che bruciate

      Voi che bruciate i boschi
      creatura di Dio

      Le vostre anime
      nel fuoco degli inferi

      Voi che bruciate i boschi
      creatura di Dio

      Le preghiere dei vostri figli
      non basteranno mai! Placare l'arsura

      Voi che bruciate i boschi
      creatura di Dio

      Canaglie assassini
      cloache rancide delle vostre anime

      Voi che bruciate i boschi
      creatura di Dio

      L'ira dell'Onnipotente su di voi
      sulle vostre case

      Voi che bruciate i boschi
      creatura di Dio.
      Dario Motti
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: dax

        Profezia

        Quando il sole
        la sua potenza scatenerà
        tutta la terra sarà soggiogata

        Mari e montagne
        grideranno terrorizzati
        il creato tutto s'inginocchierà
        davanti alla potenza del Creatore

        Vulcani terremoti strazieranno
        il globo dimostrando
        degli uomini la loro nullità

        Il tempo si fermerà il pianeta
        impazzito il suo moto invertirà

        Apparirà un nuovo cielo
        una nuova terra
        poiché il vecchio cielo
        la vecchia terra saranno mutati

        Una voce griderà potente!
        Ecco" Io ho creato un nuovo
        cielo una nuova terra
        sul mondo regnerà
        la mia giustizia

        Chi non piegherà le ginocchia
        all'udire
        il suono della Mia Voce
        sarà cancellato dal libro della vita"

        Gioite voi che siete
        nella disperazione
        poiché la vostra liberazione è vicina

        Dio cullerà le vostre anime
        tra le sue braccia materne

        Tremate aguzzini affamatori
        usurai genocidi del pianeta
        perché la vostra condanna
        sarà dura ed eterna

        Ecco il libro è sigillato
        l'alfa si congiunge all'omega
        Dio sarà in tutto e in tutti per l'eternità.
        Dario Motti
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di