Scritta da: Costa

Natale, tutti i giorni

Ultimi giorni di novembre.
Natale si avvicina.
Giorni di festa.
Tra le memorie raccontate,
inseguo il ricordo
di chi in silenzio
è andato via.
Natale, giorni di speranze.
Giorni di ottimismo,
puntati al futuro.
Incredulità, difficoltà,
pregiudizi e timori
sembrano svanire.
Io, il mio Natale
Lo vivo tutti i giorni.
Al mattino quando
Per prima, apro gli occhi.
È natale quando guardo
Chi mi accompagna
è Natale, quando parlo
e ascolto chi mi ama.
È Natale, se cammino
e sento i passi
Di chi mi segue.
È Natale, anche
Quando inseguo
Chi in silenzio
è volato via.
Costantino Posa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Costa
    Le parole di un libro,
    sono come pensieri nascosti.
    I pensieri nascosti,
    sono come parole mai dette.
    Le cose mai dette,
    sono come lettere di desideri.
    Lettere di desideri,
    sono come il senso della vita.
    Il senso della vita,
    è tutto ciò che si desidera fare.
    Tutto ciò che si desidera fare,
    è tutto quello che l'altro
    si aspetta che si faccia.
    Costantino Posa
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Costa

      Volo "quattro, quattro, sette"

      È stato soltanto un attimo.
      Il cielo buio come l'abisso.
      E il vento imprecava come
      se volesse strapparci via.
      Come fossimo sogni di carta.
      È stato soltanto un attimo.
      E per un attimo ho pensato.
      Come è bello naufragare
      In questo mare di notte.
      Poi avvolto in un vortice
      di ali spezzate, ho sperato.
      Di essere almeno da solo.
      Ma è stato soltanto un attimo,
      quel mare sognato è diventato
      un muro di schianto.
      Soltanto un attimo senza pietà
      per chi come noi trascinati
      e perduti sull'onda del fato.
      Costantino Posa
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Costa

        Fantasie per Valentina

        A me capita spesso di guardare in alto nel cielo.
        Certe volte di sera quando è buio sono completamente attratto
        da tutte quelle stelle che brillano lassù.
        Quando ho un po' di tempo in più,
        lo dedico ad osservare di giorno il sole,
        di sera, ogni tanto, la luna.
        Ma è solo di notte che riesco a vedere più in là.
        Di notte se fisso nel buio verso quei puntini luminosi,
        ho spesso una sensazione misteriosa.
        Avverto strane attrazioni.
        Più fisso quelle stelle lontane,
        più sento di avvicinarmi a loro.
        È strano cosa si prova a guardare l'ignoto.
        Forse è questo che da sempre stimola ogni uomo.
        E poi, se è vero che Dio è lassù,
        ti vien voglia di allungare la mano.
        Quante volte hai provato anche tu?
        Hai mai provato a sfiorare una stella?
        Tu cosa pensi è giusto sognare? Io sono certo di si.
        Sento che gli amori sono come comete.
        Quando arrivano, passano in fretta.
        Non hai il tempo ad esprimere alcun desiderio.
        Tante volte siamo dettati dalle scelte.
        Tante volte siamo scelti dalla sorte.
        Desiderare una vita diversa,
        da sempre ci conduce su una via quasi persa.
        Sai quante volte puoi trovarti ad un bivio?
        Non devi avere paura di sbagliare.
        Se vai a destra, raggiungi qualcuno.
        Se vai a sinistra, lo prendi alle spalle.
        Se poi, ti scende una lacrima,
        sappi che tutto torna come prima.
        Ricorda che se guardi lassù,
        il tempo ricomincia ogni volta che finisce.
        Sai perché ci sono tante stelle lassù?
        Prova ad immaginare un cielo tutto scuro.
        Sarebbe un mondo senza futuro.
        Se il cielo fosse tutto scuro,
        non sapremmo dove andare.
        Se invece una stella brilla lassù.
        Tu saprai sempre ritrovare una luce.
        Guarda, fissa sempre lassù.
        Anche se chiudi gli occhi,
        la tua stella di più brillerà.
        Costantino Posa
        Composta sabato 10 maggio 2008
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Costa

          Le giornate del mio tempo

          Le giornate del mio tempo, non sono fatte soltanto di ore.
          Le giornate del mio tempo sono come tanti solchi di terra.
          Ogni linea, un suono. Ogni linea, un colore.
          Ogni linea, un volto. Ogni linea, un ricordo.
          Così son fatte le giornate del mio tempo.
          Son fatte di aromi antichi, come spezie d'oriente.
          Son fatte di dolci melodie, a volte leggere,
          a volte incalzanti, a volte insopportabili frastuoni.
          Tante cose volute dal cuore. Tante cose cercate lontane. Tante cose cadute dal cielo.
          Così son fatte le giornate del mio tempo.
          Son fatte di spine nel cuore, come pungenti parole. Son fatte di dolci sorrisi, come le vetrine dei bar. Così son fatte le giornate del mio tempo.
          Le giornate del mio tempo sono come pagine al vento. A volte volano in alto,
          a volte ti sbattono in faccia, a volte si posano accanto. Tante cose sognate da tempo.
          Tante cose perse per sempre.
          Tante cose ritrovate per niente.
          Così son fatte le giornate del mio tempo.
          Non sono fatte soltanto di ore le giornate del mio tempo.
          Costantino Posa
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di