Scritta da: Rastam

L'isola che non c'è

Ripercorrendo l'orme 
dei miei antichi passi 
ho udito le struggenti 
grida dei miei primi 
compagni, perdersi
lontanamente nella via.

Ho visto la vetrina in cui,
per un infinito batticuore,
luccicanti sfere natalizie, 
hanno riflesso l'incantato 
stupor della mia infanzia.

Come vorrei tornar qui
dove tutto ebbe inizio;
il pensiero è l'unica via,
ogni altra è ormai preclusa.
Claudio Macchi
Composta lunedì 11 novembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di