Scritta da: CINELLA MICCIANI

A vincere sarò io

Ho fatto un patto
con la mia vita.
Un patto vero, leale.
Non ci credevo molto
ma forse sbagliavo.
Ci siamo parlate
anzi ascoltate
in quei magici istanti
in cui il silenzio
si mette a raccontare.
e l'anima si commuove.
Ho fatto un patto
con la mia vita.
L'ho proposto io.
La vita l'ha accettato.
Ora sta solo a me
seguire le condizioni.
Se ce la farò,
tutto cambierà.
Via il buio dal cuore.
Il sole radioso brillerà.
La mia anima
si vestirà d'infinito.
Fatto il patto,
stretta la mano,
ci siamo scambiate
un abbraccio
da amiche vere.
Ho nel cuore
un sorriso dolce
e luminoso
lanciatomi dalla vita
prima di correr via.
Lei forse lo sa già.
Io lo spero soltanto.
A vincere sarò io.
Cinella Micciani
Composta mercoledì 12 ottobre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Accettatemi così

    Vivo la vita
    abbracciata
    alla speranza
    che ci siano domani
    migliori degli attuali.
    Non rinnego niente
    né cancello il passato.
    Respiro il presente
    abbellisco il futuro
    di magici sogni.
    Sono stilla di luce.
    Coloro l'oscurità
    con scintille di cuore.
    Vivo e m'alimento
    di sentimenti veri,
    di emozioni forti.
    Mi nutro di verità
    d'amore sincero.
    Non so odiare
    né mentire.
    Ho fatto tanti errori
    pagati tutti su di me.
    Non potrei mai
    covare la vendetta.
    Non è cosa per me.
    Amo volare in alto
    immergermi nel blu
    dipingere sorrisi
    dove vedo tristezza.
    L'amore mi dà vita.
    Curo le ferite
    con abbracci di bene
    e soffi di carezze.
    Accettatemi così.
    Niente di speciale.
    Una donna vera
    con pochi misteri
    e tanta trasparenza.
    Ve l'assicuro.
    Niente di speciale.
    Cinella Micciani
    Composta mercoledì 12 ottobre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Miracolo vero

      È difficile
      trovare le parole
      quando l'emozione
      ti chiude la gola.
      Il respiro si spezza
      il cuore pulsa
      con frenesia insolita.
      Tutto sa di miracolo.
      Allora taci.
      Lasci che gli occhi
      parlino per te.
      I palpiti impazziti
      scuotono il petto
      col magico suono
      di campane in festa.
      È difficile parlare,
      esprimere pensieri
      quando l'emozione
      ti serra lo stomaco
      blocca la parola.
      Tutto sa di miracolo.
      Estasiata e confusa,
      atomo di vita vera,
      m'immergo nel blu
      d'un cielo spruzzato
      d'infinita magia.
      All'improvviso
      m'arrivi alle spalle.
      Sei accanto a me.
      La gioia esplode.
      Il cuore si scioglie.
      Il tuo cercarmi,
      premuroso, attento,
      è il miracolo vero
      di quest'anima
      che vive di te.
      Un dono speciale
      ch'appaga il cuore
      e felice l'innalza
      verso l'immensità.
      Cinella Micciani
      Composta mercoledì 12 ottobre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Come gabbiano

        Vivo
        per ascoltare
        una speranza,
        per far volare
        un sogno
        alto nel cielo.
        Lotto
        per cambiare
        una realtà
        amara,
        per ritrovare
        una spinta
        perduta.
        Sorrido
        per cancellare
        una sentenza,
        per cacciar via
        le lacrime.
        Credo
        per tener viva
        una fiamma,
        per dare luce
        all'anima,
        per abbracciare
        la vita
        e stringerla a me.
        Come gabbiano,
        intrepido
        e sognatore,
        aprirò le ali
        e volerò
        nel cielo azzurro
        per colorarmi
        d'infinito.
        Cinella Micciani
        Composta mercoledì 12 ottobre 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Ce la farò

          Intrepida
          avanzo cauta
          tra levigati
          scivolosi sassi.
          Mi sorregge
          un'anima forte,
          mai doma,
          guerriera impavida
          di mille battaglie.
          In lontananza
          arriva il lamento
          del corpo fragile,
          stanco, sfinito.
          Lo stringo forte,
          lo cullo con amore,
          l'accarezzo tenera,
          lenisco le ferite.
          Piano piano
          torna
          il vigore antico.
          Dura è la lotta,
          lontana la meta,
          ma salda
          è la speranza.
          Quest'anima
          indomabile
          ha ripreso a lottare.
          Via lacrime e paura.
          Via il terrore.
          Io ce la farò.
          Cinella Micciani
          Composta martedì 11 ottobre 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di