Poesie di Arturo Donadoni

Testimone di due mllenni, nato mercoledì 14 aprile 1948 a Cisano Bergamasco (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Leggi di Murphy, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Arturo Donadoni

Le mani

Ho camminato, ho visto, ho sentito.
Ora mi siedo,
è giusto che me né lavi le mani?

Mani bianche
mani nere
mani chiuse
mani tese
mani pulite o insanguinate.

Quanto bene quanto male fan le mani.

In questo mare di mani non sò bene come sono le mie mani,
dove sono
cosa fanno
dove vanno le mie mani.

Se son bianche
se son nere
se son chiuse
se son tese
se son pulite o insanguinate
se fan bene
se fan male le mie mani.
Arturo Donadoni
Composta martedì 29 gennaio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Arturo Donadoni

    Cosi non è mai stato

    Cammino nel parco,
    godo del tepore che mi regala il sole
    e sento che è già stato.

    Cammino sui monti,
    respiro il profumo di fiori,

    e sento che è già stato.

    Cammino al confine del mare,
    dalle onde mi lascio baciare,

    e sento che è già stato.

    Cammino sull'asfalto,
    sono circondato solo da cemento,
    respiro,
    ma non sento profumo,
    sento calore,
    ma non è tepore,
    Ho una stretta al cuore,
    ma non è emozione,
    non è l'emozione che mi dà la vista del mare,
    non è l'emozione che in cima ai monti io posso sentire.

    È paura,

    è paura perché sento che cosi non è mai stato.
    Arturo Donadoni
    Composta domenica 27 gennaio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di