Poesie di Antonio Prencipe

Studente, nato sabato 29 giugno 1991 a Mattinata Prov. FG (Gargano) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Antonio Prencipe

Spogliati

Spogliati,
della tua vita e
lanciala in alto un angelo
la prenderà.
Spogliati,
delle tue incertezze e
della tua verità persa nelle scale,
divora la mia anima
e spogliati ancora,
fammi vivere del tuo odore
e del tuo dolore
Spogliati,
e impara a vivere
e ad amare,
non giudicare
ammira chi si spoglia della sua vita per
donarla ad altri,
Spogliati,
e getta la tua ignoranza
giù da quella finestra,
impara a spogliarti e
insegnalo anche ad altri.
Spogliati senza amore
e invidia chi non sa amare
non vincere se hai già vinto
Spogliati,
con la paura di
vivere senza cieli da esplorare
non dimenticare chi si spoglia per te
Spogliati,
e illumina le tenebre
Spogliati,
e uccidimi lentamente
con il tuo amore perso nella mia solitudine.
Antonio Prencipe
Composta domenica 3 gennaio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Prencipe

    Se io fossi

    Stringo pugni
    raccolgo vetri
    mischio l'odio con l'amore
    sparo al passato e colpisco il presente
    corro nel vento
    e cerco di svuotare il mio fiume
    di felicità per far spazio al mio mare di sofferenza.
    Se io fossi un angelo
    cadrei in bocca al mare.
    Se io fossi una stella
    offenderei il sole.
    Se io fossi la luna
    spegnerei il sole.
    Se io fossi il mare
    affogherei nel cielo.
    Se io fossi il cielo
    mi specchierei nel mare.
    Se io fossi il paradiso
    invidierei l'inferno.
    Se io fossi pioggia
    scapperei con il vento.
    Se io fossi vento
    porterei il caldo alla sofferenza.
    Se io fossi la morte
    darei la vita a chi non ha mai amato.
    Se io fossi la vita
    cancellerei la morte a chi soffre.
    Se io fossi me stesso
    ringrazierei la vita e
    perdonerei la morte.
    Antonio Prencipe
    Composta sabato 2 gennaio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Prencipe

      Stella guerriera

      Raccolgo petali di rose
      persi nel deserto.
      Strappo pagine del mio passato
      regalandole al futuro.
      Guardo il cielo
      mentre cado nelle tenebre
      e tu stella guerriera
      persa nella notte triste e scura del giorno
      mi parli da lontano
      mi sussurri lentamente
      non mollare
      ma io ho perso il tuo presente
      ed ho trovato il tuo passato
      mentre cercavo di parlare con il mare.
      Stella guerriere
      aiutami a combattere,
      insegnami a volare,
      a catturare sogni,
      insegnami il valore della morte.
      Io t'insegnerò a trovare
      il mio inizio
      perso nelle colline del vento...
      La luna ti cercava
      ed io ti tradii con il sole.
      Stella guerriera
      combatti per me
      nel tuo regno,
      santifica la speranza
      e salva i miei dubbi.
      Ho rincorso l'alba per trovarti
      ma il tramonto mi ha raggiunto.
      Antonio Prencipe
      Composta sabato 2 gennaio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Prencipe

        Lasciami sparire

        Non mi guardare
        non mi pensare
        non mi sussurrare
        non mi dire addio
        non mi dire ciao
        lasciami sparire piano
        allontana il tuo cuore dal mio
        allontana la tua vita dalla mia
        allontana l'orgoglio da me
        parla di te e distruggi
        l'innocenza che c'è nei tuoi occhi
        ammira la violenza
        e colpiscimi forte
        non mi dire ti amo
        perché ho paura
        non mi dire ti voglio
        perché il mio cuore non sopporta
        dimmi ti odio per favore
        dimmi che mi odi
        fammi morire e togli
        l'amore dalle mie mani
        cancella la verità
        accetta la falsità e
        santificà cosa sono
        non dimenticare la sofferenza
        che ti ho procurato
        e cancellami dalla tua vita
        subito senza che me ne accorga.
        Antonio Prencipe
        Composta martedì 29 dicembre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Prencipe

          Vado giù

          Ho navigato nel mare
          ho perso un tramonto
          ho incontrato la solitudine
          mentre l'ombra del cielo
          non mi veniva più addosso
          guardando la luna
          chinai la testa e
          sprofondai nell'abisso
          della mia follia.
          Ho cercato la salvezza in un abbraccio
          in un saluto
          in un sospiro
          ma niente
          la mia anima vagava
          in un mondo che non era più suo
          volevo gridare, piangere, chiedere aiuto
          ma decisi di cadere
          cadere giù dove non cresce niente
          dove non arriva nemmeno il sole
          dove la pioggia a paura d'entrare.
          Restai li persi ogni logica
          ogni amore, conobbi la sofferenza
          in quell'inferno e niente senbrava più bello.
          Antonio Prencipe
          Composta martedì 29 dicembre 2009
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di