Le migliori poesie di Antonio Prencipe

Studente, nato sabato 29 giugno 1991 a Mattinata Prov. FG (Gargano) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Antonio Prencipe

Fulmine

Ho visto nevicare,
ho visto il freddo congelare il mio cuore,
ho visto cadere la mia anima,
ho cercato un fulmine,
volevo quel fulmine,
ho caricato pistole
ho fatto scoppiare bombe
ma quel fulmine non scende,
rimane nel cielo,
a chi aspetti,
dai colpiscimi,
vienimi addosso,
colpisci il mio corpo
la mia anima è già scappata
non esitare,
non resto ad aspettare,
scappo via,
raggiungimi prima che ricomincio a vivere.
Antonio Prencipe
Composta giovedì 7 gennaio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Prencipe

    Ti Amo, Ti Amo

    Questa vita mia,
    giocattoli rotti pieni di fantasia,
    annebbiate luci spente di malinconia
    ricoprono il palcoscenico della vita mia

    Come potrò volare,
    Ti Amo, Ti Amo
    Sei tutta la vita mia

    Ascoltami, sussurrami
    io non c'è la faccio più,
    senza di te non intravedo nemmeno l'Alba

    Il buio mi fa paura
    non c'è nemmeno una lucciola a farmi compagnia,

    La tua voce rimbomba nella mia testa
    il mio piccolo cuore ha bisogno del tuo odore,
    veglia su di me
    non mi abbandonare

    Ti Amo, Ti Amo
    Senza di te non mi resta più nulla
    Senza di te sprofondo nel mare

    Sento le parole tue

    Ti prego torna qui,
    Ti regalo la mia vita
    Ti regalo i miei sogni

    Come stelle senza luce anche il mio cuore muore

    I miei sentimenti sono riposti in quella prigione bianca
    piena di rabbia e rancore

    TI Amo, Ti Amo.
    Antonio Prencipe
    Composta venerdì 16 luglio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Prencipe

      Piccolo fiore

      Piccolo fiore
      non piangere
      anche il sole ti chiederà perdono
      Piccolo fiore
      resisti anche la notte ti sorriderà
      tutto finirà anche questo dolore ti chiederà scusa
      Piccolo fiore
      sei stata abusata
      sei stata condannata
      sei stata amaramente tradita
      Piccolo fiore
      sorridi
      non odiare questa vita
      tutto passerà
      Piccolo fiore
      una lacrima scende per te
      il mio cuore muore per te
      Piccolo fiore
      non lasciar spegnere i tuoi occhi
      non lasciare che il buio cada sulla tua giovane vita
      Piccolo fiore
      chi ha abusato di te non avrà pace
      chi ha abusato di te avrà la mia vendetta
      Piccolo fiore
      non lasciar morire i tuoi sogni
      per favore combatti e non ti fermare
      Piccolo fiore
      non preoccuparti il cielo ti sta vicino
      un'angelo veglia su di te
      Ti prego non smettere di sperare
      Le stelle s'illuminano per te
      Non aver paura la pace arriverà
      Il Paradiso Santificherà la tua verità.
      Antonio Prencipe
      Composta venerdì 18 giugno 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Prencipe

        Spara

        Voglio un arma,
        voglio sparare,
        voglio quell'arma che tu chiami cuore,
        la voglio usare contro di te
        tu mi hai già ucciso,
        io non l'ho ancora usata
        perché sei così
        perché non mi uccidi senza usare il cuore,
        perché non mi torturi senza amore,
        cancella quell'amore
        incomincia a cancellarmi dalla tua vita,
        io parto prendo un treno
        e torno dalla vita mia,
        tu non m'appartieni più
        ti mando un bacio,
        non mi sognare,
        dimenticami.
        Ho finito le lacrime,
        ho finito le munizioni,
        tocca a te spara,
        spara,
        colpisci il mio cuore
        solo così cancellerai il mio sorriso.
        Ora cosa ti rimane,
        ti rimane il mio sangue
        il mio cuore non c'è più
        è fuggito via.
        Antonio Prencipe
        Composta martedì 5 gennaio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Prencipe

          Notti Abbandonate

          Il male di vivere,
          Quelle notti con la testa nel cesso
          cercando di vomitare anche l'anima,
          Quelle notti
          cercando di dimenticare un passato
          che torna a trovarci,
          Non si sa più dove si va
          Non si sa più cosa sperare se non si combatte
          Non si sa più cosa cercare,
          Senza una meta
          e senza un destino spariamo al nostro infinito,
          Quelle notti scomparse nell'oblio
          Quelle notti amate e poi ammazzate
          Quelle notti senza amore, immerse nell'alcol,
          Tutte queste notti abbandonate e mai ritrovate
          si perdono nell'insieme di un sussulto dimenticato nel vento,
          Fra tramonti scomparsi e Albe massacrate
          la mia anima naviga nel vuoto di un Addio,
          Cercando un cielo,
          cercando una nuvola su cui far riposare i miei sentimenti
          annegai nel desiderio di un'amore che mai ritornerà,
          Notti che fanno male,
          Notti ubriache di follia,
          Notti senza Dio,
          Notti Bastarde e Notti consumate dall'odio.
          Antonio Prencipe
          Composta lunedì 28 giugno 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di