Le migliori poesie di Antonio Prencipe

Studente, nato sabato 29 giugno 1991 a Mattinata Prov. FG (Gargano) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Antonio Prencipe

Non ci rinunciò

Scappiamo via,
metti in moto la tua macchina
e andiamo via
sconfiniamo l'Orizzonte,
spegniamo insieme il mare
e avvolgimi d'amore con le tue dolci e calde mani
Metti in moto la macchina
e corriamo, voliamo oltre le stelle,
allunga la mano e sfioriamo insieme il sole,
perché mi chiedi perdono?
Perché mi hai amato troppo?
Vorresti che ti perdoni per questo?
Amore ma come potrei
se io del tuo amore ho
un bisogno immenso,
canto e ballo consapevole
che tu sei dentro me,
rinunciò al paradiso per poterti
almeno per l'ultima volta
donare il mio triste e sconsolato cuore,
soffrirò, morirò, impazzirò
ma al nostro amore non ci rinuncerò.
Antonio Prencipe
Composta martedì 16 novembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Prencipe

    Piccola Ballerina

    Tu, ora sei la mia luce,
    ti dico un segreto se sono in vita lo devo solo a te,
    molte volte ho pensato di farla finita
    ma la tua voce mi faceva volare nell'immenso vuoto della mia vita
    il sapere che un'altra persona oltre
    a me stesso conosce la mia anima
    ha fatto sussultare il mio piccolo cuore,
    sei quell'onda burrascosa che ha travolto i miei sentimenti,
    sei una folata di follia che rende felice
    la mia agguerrita vita,
    ora che ti ho conosciuto non ti lascio andar via
    perché è grazie a te che il mio piccolo cuore
    a ripreso a battere,
    e solo grazie a te se la mia anima
    corre felice nelle piramidi che ho costruito nell'immenso
    e grazie a te Sofia che sono libero di sognare,
    ora ti dico grazie,
    ora ti sogno,
    ora ti abbandono a te stessa,
    ma ricorda che hai catturato l'anima
    di un piccolo guerriero che non ti lascia volar via,
    Grazie!
    Antonio Prencipe
    Composta mercoledì 23 giugno 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Prencipe

      Infiniti Sconfinati

      Traguardi sfiorati e orizzonti abbandonati
      s'appoggiano nell'oblio
      e lentamente cadono nell'infinito,
      Una stilla di sudore
      cade dal mio viso
      e pervade il paradiso,
      Osserva il mare,
      guardalo,
      ti porterà lontano,
      nei miei occhi t'accompagnerà
      e volare ti farà,
      nel cielo senza nuvole
      e senza far rumore una stella
      le tue labbra bacerà,
      Lascialo entrare
      non aver paura non ti tradirà,
      Spogliati del mio cuore,
      gettalo nel vento caldo
      e raffinato di follia,
      Specchiati nella mia anima
      e lascialo entrare,
      non ti deluderà
      forse ti farà soffrire
      o forse ti farà morire tra le mie braccia,
      Accanto a noi
      ci sono sono solo
      Infiniti Sconfinati.
      Antonio Prencipe
      Composta domenica 26 settembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Prencipe

        Vita

        Vita, perdonami se ogni tanto ti ho tradito
        Vita, non aver paura se provo a cambiarti
        Vita resta li,
        faccio un salto in paradiso
        Vita, non cercare un'altra verità
        Vita, perdonami se qualche volta ho desiderato sprofondare
        nel mare
        Ascoltami perché qualche volta ho avuto paura di te
        Ora
        non aver paura dei miei sbagli
        non aver paura delle mie sofferenze
        Ho perdonato il cielo
        anche le stelle lo sanno
        anche gli angeli hanno santificato il tuo nome
        anche l'inferno ha chiesto il tuo perdono
        Mi hai fatto del male
        Mi hai reso incosciente
        Ti sei fatta odiare
        e anche se mi hai ucciso più di una volta
        non posso fare a meno che amarti
        e perdonarti perché tu vita sei la guerra
        che vorrò sempre combattere e mai perdere.
        Antonio Prencipe
        Composta mercoledì 16 giugno 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Prencipe

          Fulmine

          Ho visto nevicare,
          ho visto il freddo congelare il mio cuore,
          ho visto cadere la mia anima,
          ho cercato un fulmine,
          volevo quel fulmine,
          ho caricato pistole
          ho fatto scoppiare bombe
          ma quel fulmine non scende,
          rimane nel cielo,
          a chi aspetti,
          dai colpiscimi,
          vienimi addosso,
          colpisci il mio corpo
          la mia anima è già scappata
          non esitare,
          non resto ad aspettare,
          scappo via,
          raggiungimi prima che ricomincio a vivere.
          Antonio Prencipe
          Composta giovedì 7 gennaio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di