Scritta da: Antonio Fabi

Ah, crostico!

Bene: l'acrostico è un gioco grazioso,
Un serio impegno per tutti i poeti,
Od un rituale scontato e noioso?
Non tutti gli scrittori vedo lieti,
Giacché, quantunque allegro e spiritoso,
Il gioco dà satanici boleti,
Ogniqualvolta diventa furioso:
Rime di fuoco, non v'è chi le acquieti.
Non tacerò, pertanto, sull'acrostico,
Onde chiarire quanto vi sia ostico.

Animarlo a casaccio: somma uscita!
Mi pare impresa degna di Culagna,
O di Renoppia, fine ed erudita.
Ritengo che sia grave la magagna:
È un carro senza ruote e senza oplita.
Antonio Fabi
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di